BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Casa: novità 2014. Tasse Tasi, Imu, Ius, Mini Imu, Tari. Affitti pagamenti no contanti e non solo

Casa, nuove tasse su rifiuti e servizi indivisibili, nuovi sistemi di pagamento tracciabili per pagare gli affitti e come fare: le novità previste per il nuovo anno per proprietari e inquilini



Non solo nuova Iuc, con Imu, Tari e Tasi: sono diverse le novità che da questo 2014 toccheranno il mondo della casa. Innanzitutto al primo gennaio, è scattato il divieto di pagare gli affitti in contanti, comprese le locazioni turistiche transitorie e a studenti universitari: in questo modo si punta a tagliare drasticamente il fenomeno dei pagamenti in nero.

La novità approvata nella nuova Legge di Stabilità prevede, infatti, che ‘i pagamenti riguardanti canoni di locazione di unità abitative, fatta eccezione per quelli di alloggi di edilizia residenziale pubblica, devono essere corrisposti obbligatoriamente, quale ne sia l'importo, in forme e modalità che escludendo l'uso del contante e ne assicurino la tracciabilità’.

La norma, volta ad assicurare il contrasto all'evasione fiscale nel settore, attribuisce ai Comuni, ‘in relazione ai contratti di locazione, attività di monitoraggio anche previo utilizzo di quanto in materia di registro di anagrafe condominiale e conseguenti annotazioni delle locazioni esistenti in ambito di edifici condominiali’.

Gli affitti, dunque, dovranno essere pagati con strumenti tracciabili, come assegni, bonifici ecc , tranne per gli affitti degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Il divieto di pagamento in contanti non riguarda inoltre le  locazioni di immobili per uso commerciale, né per l’affitto di box, cantine e posti auto. Lo stesso emendamento stabilisce che sia affidata ai Comuni l'attività antievasione di monitoraggio e dei contratti di locazione, attraverso l'anagrafe condominiale.

Sul fronte delle compravendite, nel 2014 viene sdoppiata l’imposta di registro sui trasferimenti immobiliari: 9% di base e 2% per la prima casa. Il pagamento, inoltre, andrà effettuato direttamente al notaio. Viene prolungato di un anno, fino al 31 dicembre 2014, lo sconto fiscale del 50% sulle ristrutturazioni e sull’acquisto di mobili. Insieme a questo, durerà altri dodici mesi anche la detrazione del 65% per i lavori di riqualificazione energetica.

Sul fronte fiscale, invece, spicca la mini-Imu che deve essere versata il prossimo 24 gennaio dai cittadini proprietari di prima casa che abitano nei Comuni che hanno deliberato un’aliquota superiore a quella base del 4 per mille. Per loro scatterà un versamento pari al 40% della differenza tra l’aliquota standard e quella fissata dal proprio sindaco; la restante parte sarà appannaggio dello Stato.

E poi c’è la nuova imposta Iuc sulla casa, Imposta Unica Comunale, che sarà composta da Imu, Tasi e Tari e che si basa su due presupposti: il possesso di immobili per cui bisognerà pagare l’Imu, di natura patrimoniale dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali; e sulla fruizione di servizi comunali a cui sono collegati un tributo per i servizi indivisibili (Tasu), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e una tassa sui rifiuti (Tari), che dovrà essere versata da chi occupa, a qualsiasi titolo, l’immobile in questione.

La componente patrimoniale del tributo unico dovrà essere corrisposta dai proprietari a qualsiasi titolo nella misura massima dell'8,1 per mille per anno, ma non è dovuta per le prime case e per i terreni agricoli e fabbricati rurali, mentre un altro 1,5 per mille dovrà essere pagato da tutti gli utilizzatori, a qualsiasi titolo, degli immobili; nel caso gli utilizzatori fossero anche i proprietari dovrebbero corrispondere un ulteriore 1 per mille.

La componente per la copertura dei costi per la gestione dei rifiuti sarà poi dovuta da chiunque produca rifiuti urbani nella misura dei quantitativi e delle tipologie dei prodotti misurabile anche in relazione al possesso e alla detenzione a qualsiasi titolo di locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il