BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Restituzione scatti anzianità insegnati in stipendi 2014: scontro sindacati, Carrozza e Saccomanni

Governo chiede a docenti di restituire 150 euro dai propri stipendi. Scoppia la protesta, sindacati sul piede di guerra. Il ministro Carrozza: “Ho chiesto al ministro Saccomanni di sospendere il recupero degli scatti stipendiali per il 2013”



Il ministero dell’Economia chiede ai docenti degli istituti italiani di restituire gli scatti stipendiali, già percepiti nel 2013, con una trattenuta di 150 euro mensili a partire da gennaio. Scoppia la protesta, i sindacati minacciano lo sciopero generale e dal Pd viene inviata una lettera-petizione al ministro Maria Chiara Carrozza e al premier Enrico Letta che in poche ore ha raccolto migliaia di adesioni.

Immediata la risposta del ministro Carrozza, che scrive a Saccomanni chiedendo di soprassedere. Ciò che è successo è che il governo Letta ha deciso di bloccare retroattivamente lo scatto di anzianità del 2013 e così circa 300mila insegnanti dovranno restituire, a partire da questo mese di gennaio 2014, 150 euro  lorde, mensilmente, fino a concorrenza del debito. La nota del governo precisa inoltre che ‘il recupero applicato sullo stipendio lordo determina contestualmente l’applicazione di un importo irpef più basso’.

La situazione sembra paradossale più che assurda, tanto che Mila Spicola, insegnante della direzione nazionale del Partito democratico, ha detto: “Non era mai successo di sottrarre ai lavoratori dello Stato somme giustamente guadagnate e percepite con una modalità così brutale. La scuola, che tutti dichiarano di mettere in cima alle agende, è fatta dalle persone che la abitano e vi lavorano che non possono essere beffate da simili provvedimenti privi di senso anche solo nelle intenzioni”.

Considerando l’incredulità del mondo della scuola, dei lavoratori in genere, dei sindacati e di parte delle forze politiche stesse, il ministro Saccomanni ha detto: “Niente restituzione dei soldi per i professori”.

A prendere le parti degli insegnanti, oltre al ministro Carrozza, anche il segretario Renzi: “Il taglio agli insegnanti è assurdo. Il governo rimedi a questa figuraccia, subito. Il Pd su questo non mollerà di un centimetro”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il