BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma pensioni Governo Letta ultime notizie: busta arancione in arrivo. 7 proposte in discussione

Presentate ieri nuove mozioni sulle pensioni dalla definizione di una soglia massima per le pensioni d’oro a rialzi dei trattamenti previdenziali. In arrivo anche la busta arancione? Le novità possibili



Sono state presentate ieri alla Camera dai deputati sette nuove mozioni che prevedono, tra le altre misure, la definizione di una soglia massima per le cosiddette pensioni d'oro (anche di 10 volte il minimo ovvero circa 5.000 euro lordi al mese), il taglio degli assegni erogati con il sistema retributivo con una trattenuta progressiva sopra i 60.000 euro l'anno, ulteriori contributi di solidarietà sulle pensioni superiori a 12 volte il minimo (circa 6.000 euro lordi al mese), il ritocco verso l'alto dei trattamenti previdenziali più bassi, un maggior prelievo su tutti i redditi superiori a 75.000 euro l'anno.

Le proposte sono state presentate a vario titolo sia dai partiti di maggioranza che di opposizione. Tra le novità Inps sulle pensioni, in questa prima parte del 2014, spicca anche l'introduzione della busta arancione, uno strumento per informare i lavoratori sulla loro situazione pensionistica in tempo reale, cioè che darà informazioni sugli anni di contributi versati e mancanti, l'entità dell'eventuale rendita, quando poter andare in pensione ed altro, con anche la possibilità di calcolo della pensione online.

Sembrava che la busta arancione della pensione non dovesse mai venire adottata in Italia, tanto che a fine dicembre 2013 si parlava di conferme sull'abbandono del progetto; invece in questi giorni il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, ha dichiarato che “è stato avviata l'operazione che, nel corso del 2014, porterà ad informare tutti i lavoratori delle diverse gestioni Inps sulla loro futura condizione pensionistica ed a consentire loro di effettuare simulazioni di quest'ultima, la cosiddetta busta arancione”.

Gli interessati riceveranno l'informativa direttamente al loro domicilio e potranno in seguito effettuare delle simulazioni online sui siti istituzionali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il