BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi, Tari, Imu, IUC: nuove tasse casa 2014. Aliquote, detrazioni, scadenze dai singoli Comuni

Come si compone la nuova Iuc tassa sulla casa e problemi sull’applicazione della Tasi. Comuni avranno la possibilità di innalzare l’aliquota massima. Ancora de definirle. Scadenza pagamento forse prorogata



E' querelle tra governo e Comuni per la definizione delle aliquote Tasi, una delle tre componenti della nuova Iuc insieme a Tari e Imu, prevista quest’ultima solo per i possessori di prime case. Il governo ha, infatti, deciso di lasciare ai Comuni la possibilità di innalzare l’aliquota massima della Tasi per il 2014 da uno a otto millesimi di punto per finanziare le detrazioni alla fasce più deboli di contribuenti.

Le amministrazioni potranno così aggiungere risorse al mezzo miliardo stanziato allo scopo dalla legge di Stabilità. In pratica l’aliquota massima della Tasi potrebbe salire allo 0,33%. Per quanto riguarda poi i tempi, la scadenza dovrebbe rimanere fissata a laivello nazionale, ma si parla già di proroga e cambiamenti per singoli comuni.

Stando a quanto qualche giorno fa previsto, i Comuni potranno incrementare le aliquote Tasi su prima e seconda casa, rispettivamente dal 2,5 al 3,5 per mille e dal 10,6 all’11,6 per mille. L’ipotesi più concreta al momento è che le aliquote Tasi vengano incrementate per coprire i costi delle detrazioni da destinare alle famiglie meno abbienti, ma, stando al pensiero di Piero Fassino, presidente Anci e sindaco di Torino, “la cosa andrebbe nella direzione giusta solo al 50%.

Certamente l'emendamento va nella direzione giusta ma soltanto al 50%. Infatti, se la flessibilità sull'aliquota è finalizzata soltanto alla copertura delle detrazioni, non risolve il problema del minor gettito sulla prima casa. Quindi al governo e al parlamento chiediamo come intendono affrontare questo problema”.

Resta, però, ancora tutto da decidere. E il caso deriva non solo dai dubbi sulla definizione delle aliquote ma anche per quanto riguarda, come accennato, le scadenze. La prima rata dell’Iuc, che comprende Tari sui rifiuti, Imu sulla componente immobiliare, e Tasi appunto, scade il 16 gennaio 2014, ma considerato che i Comuni devono ancora decidere tutto, probabilmente tale scadenza verrà prorogata.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il