Aperto il codice e il protocollo Voip di Skype da una società cinese

una società cinese non specificata sarebbe riuscita in una operazione di reverse engeenering su Skype, aprendo il protocollo che finora è stato gelosamente tenuto protetto e rendendo Skype non compatibile con altri sistemi di comunicazione VoIP



La notizia del giorno in ambito informatico potrebbe essere questa: una società cinese non specificata sarebbe riuscita in una operazione di reverse engeenering su Skype, aprendo il protocollo che finora è stato gelosamente tenuto protetto e rendendo Skype non compatibile con altri sistemi di comunicazione VoIP.

I propositi di questa azienda sarebbero quelli di terminare lo sviluppo di un client alternativo per Skype e di rilasciarne poi il codice.

Skype non è ben visto dalle società telefoniche cinesi e il suo utilizzo è stato bloccato in diverse regioni cinesi e non sorprenderebbe il fatto che dietro questa fantomatico gruppo di programmatori ci siano le società cinesi che potrebbero sfruttare la rete Skype a proprio piacimento ed interesse.

Sul blog che riporta la notizia, blog che si occupa in maniera quasi esclusiva proprio di Skype, sono riportate anche delle immagini del client rudimentale con cui si sta testando il risultato dell'impresa.

Un particolare tecnico molto importante è che il client non opererebbe come super nodo, e quindi se si diffondesse l'utilizzo di questo sistema alternativo non sarebbe più garantita la qualità della rete di Skype, che si ritroverebbe una invasione di parassiti che non "offrono" questo passaggio di dati tra i vari client: l'impatto di questa soluzione non sarebbe quindi solo economico per Skype ed eBay, ma anche sugli utilizzatori di questo sistema di comunicazione.

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il