BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Letta: cambiamenti possibili se cambia Giovannini con Epifani

L’ex segretario generale della Cgil Epifani al posto del ministro Giovannini con eventuale rimpasto del governo? Nuove possibilità per precoci, usuranti ed esodati?



L'esecutivo pensa ad un rimpasto generale per continuare l'opera di governo, la situazione è confusa e secondo il vicepremier Angelino Alfano “Non penso che si tornerà a votare, ma se ci sarà blocco, paralisi o stallo sarà bene tornare alle urne”. E rivolgendosi a Letta e Renzi ha detto: “Non caricate questioni interne al Pd sul Paese”.

Potrebbe cambiare il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, dopo le sue riserve sul Jobs Act. A lui potrebbe subentrare Guglielmo Epifani, ex segretario del Partito Democratico, e se così fosse sarebbe un cambiamento importante considerando il passato da sindacalista dell'esponente del Pd, che è stato segretario generale della Cgil, e della inevitabile maggiore vicinanza a Matteo Renzi, nuovo leader dei Democratici, e al suo Job act tanto criticato dallo stesso Giovannini.

Epifani ha sempre contestato la riforma Fornero, ribadendo sempre la necessità di porre fine, una volta per tutte, alla vicenda esodati. L’eventuale arrivo di Epifani nella squadra di governo potrebbe anche sostenere, finalmente, possibili norme ad hoc per lavoratori precoci ed usuranti, perché lui, proprio perché ex sindacalista, sa bene le condizioni in cui vertono queste categorie di lavoratori.

Secondo Epifani poi: “Vanno fatte due operazioni: allargare il numero di coloro ai quali il governo deve dare delle risposte; pensare non solo agli esodati in essere, ma anche all'altra tipologia di esodati che si creerà coll’innalzamento del pensionamento generato dalla legge Fornero”.

E si torna a parlare del pensionamento anticipato con prestito previdenziale, idea proposta da Giovannini permetterebbe ai lavoratori del settore privato di andare in pensione 2 o 3 anni prima ricevendo assegni bassi da ripagare poi con decurtazioni del proprio assegno pensionistico una volta maturati i requisiti per la pensione vera e propria.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il