BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mini Imu: chi paga, quanto e quando saldo 2013. E tutte le altre nuove tasse sulla casa

Pagare conguaglio della nuova Mini Imu entro il prossimo 24 gennaio: chiamati al versamento i proprietari di prime case esentati dall’Imu a dicembre. Ma non tutti. Chi deve pagare e nuova tassa Iuc



Manca ormai solo qualche giorno alla scadenza per il pagamento della nuova mini Imu, in programma il prossimo 24 gennaio. Si tratta di una ‘mini’ tassa sulla casa che dovrà essere versata da quei proprietari di prime case che erano stati esentati dal pagamento Imu lo scorso dicembre.

Più nel dettaglio, pagheranno una piccola Imu su prime case e terreni agricoli i residenti in quei Comuni che nel 2013 hanno aumentato l'aliquota Imu, portandola dallo 0,4% (o 4 per mille) fissata dallo Stato al 5 o 6 per mille, ricordando che tale imposta dovrà essere versata anche sulle pertinenze della prima casa, come i box.

Per calcolare quanto versare di mini Imu, bisogna rivalutare del 5% la rendita catastale dell'immobile; moltiplicare per 160; applicare al risultato l'aliquota decisa dal Comune di appartenenza; e sottrarre 200 euro di detrazioni e altri 50 euro per ogni figlio di meno di 26 anni convivente. Poi bisogna ripetere poi la stessa operazione applicando l'aliquota standard dello 0,4% e sottrarre il risultato della seconda operazione dal risultato della prima operazione.

Sul risultato ottenuto bisogna calcolare il 40% e che sarà poi la somma da pagare. La mini Imu si pagherà tramite bollettini postali e modelli F24. Sul bollettino postale bisognerà riportare il numero di conto corrente 1008857615, mentre sul modello F24, bisognerà compilare la sezione Imu e altri tributi locali e inserire nello spazio Codice ente/codice Comune il codice catastale del Comune nel quale si trova l'immobile.

Il codice tributo da indicare per le prime abitazioni è 3912, mentre per i terreni agricoli codice 3914. Nel caso di ritardi nel pagamento, bisognerà ricalcolare l'importo con la mora, altrimenti si rischierà una maggiorazione fino al 30% dell'importo totale. Ma la mini Imu è solo una delle novità della tassazione sulla casa di questo 2014. Ha debuttato, infatti, il primo gennaio la Iuc, imposta unica comunale, che sostituisce Imu e Tares e che sarà composta da Imu sul patrimonio immobiliare, Tari sui rifiuti e Tasi sui cosiddetti servizi indivisibili.

Il pagamento dell’Imu dovrà essere corrisposto dal possessore di immobili, ad eccezione delle prime case, la tassa sui rifiuti (Tari) dovrà essere versata da chi occupa, a qualsiasi titolo, l’immobile in questione, mentre è caos ancora sulla Tasi.

Si attendono, infatti, comunicazioni da parte dei Comuni che hanno avuto dal governo facoltà di poter aumentare al massimo le aliquote per alleggerire il peso della tassa sulle famiglie meno abbienti, concedendo loro le detrazioni già previste per l’Imu e cioè 200 euro più 50 euro per ogni figlio convivente che abbia età inferiore ai 26 anni.

Considerando che la situazione sulla definizione della Tasi deve ancora completarsi, probabilmente la rata del primo versamento, che era previsto per domani, giovedì 16 gennaio, sarà rimandata al prossimo giugno, termine in cui bisognerà peraltro pagare la prima rata Imu.

Per determinare quanto versare di Mini Imu si può usare il seguente calcolatore semplcie e gratuito che stampa anche i modelli F24 per il pagamento utilizzando le aliquote e le detrazioni di tutti i comuni dove occorre pagare:

http://www.webmasterpoint.org/programmazione/programmazione/come_fare/calcolo-imu-saldo-seconda-rata.html

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il