BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Buoni fruttiferi postali 2014 Gennaio: rendimenti, durata, tassi di interesse e condizioni emissioni

Cosa sono i buoni fruttiferi postali, come funzionano e chi li emette: le offerte migliori di questi primi mesi del 2014 per scegliere l’investimento più conveniente per il proprio denaro. Quale scegliere



I Buoni Fruttiferi Postali sono dei titoli emessi dalla Cassa depositi e prestiti, garantiti dallo Stato Italiano e collocati in esclusiva da Poste Italiane, e che garantiscono sempre la restituzione del capitale investito e gli interessi maturati. I Buoni Fruttiferi Postali possono essere sottoscritti e rimborsati in tutti gli Uffici Postali, senza alcuna commissione o spesa, eccetto quelle di natura fiscale.

I correntisti BancoPostaonline e i titolari di Libretto Smart, che abbiano abilitato le funzioni dispositive del servizio RPOL, possono acquistare i BFP dematerializzati direttamente online, eccezion fatta per i BFPFedeltà, dei BFP3x4Fedeltà e dei BFP a 3 anni Fedeltà, e possono chiedere il rimborso dei Buoni dematerializzati di cui si è titolari.

Per questo mese di gennaio 2014 sono disponibili nuove serie di buoni fruttiferi postali: la serie R10, relativa al Buono BFPRenditalia a 3 anni, ed al Buono Indicizzato all’Inflazione Italiana identificato dalla sere J43 decennale.

Il BFPRenditalia a 3 anni offre un rendimento variabile, con cadenza semestrale, che è collegato al tasso dei Bot, i Buoni Ordinari del Tesoro con la scadenza a sei mesi, più uno spread che è noto alla stipula. Per il Buono Fruttifero Postale BFPRenditalia a 3 anni serie R10 lo spread per l'intera durata è fissato allo 0,15%.

Il Buono Indicizzato all’Inflazione Italiana si distingue per offrire un rendimento minimo garantito, dal primo al decimo anno, e per proteggere l'investimento effettuato dal carovita in quanto la rivalutazione è legata all'indice Famiglie di Operai e Impiegati (FOI) che viene calcolato dall'Istituto Nazionale di Statistica (Istat). Per il Buono Indicizzato all’Inflazione Italiana decennale serie J43 il tasso fisso minimo garantito dal primo al decimo anno è pari allo 0,75%.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il