BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti: modifica positiva per donne su uscita anticipata ed età dall'Inps

Lavoratori precoci e usuranti in pensione prima grazie a prestito pensionistico del ministro Giovannini. Possibilità anche per donne di uscita prima con nuova circolare Inps



Se per quanto riguarda le modifiche alle pensioni giungono novità importanti soprattutto per permettere alle donne di uscire prima dal lavoro, grazie ad una nuova circolare Inps, per quanto riguarda lavoratori precoci ed usuranti, dopo che la nuova Legge di Stabilità non ha provveduto ad alcun intervento in loro favore, si torna a parlare di possibili novità per tutelare questa categoria di lavoratori, permettendo loro di andare in pensione prima.

L'ex segretario della Cgil, Guglielmo Epifani, che potrebbe, secondo alcune voci, prendere il posto dell’attuale ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, in un eventuale rimpasto di governo, si è dichiarato favorevole all’introduzione del cosiddetto prestito pensionistico proposto proprio dal ministro già qualche mese e tornato ad essere discusso ora.

Il prestito pensionistico permetterebbe di andare in pensione anticipata a chi ha compiuto sessantadue anni di età e ha maturato trentacinque anni di contributi, ricevendo per i primi due-tre anni una pensione anticipata che dovrà poi essere restituita con una decurtazione dall’assegno pensionistico che si riceverà una volta maturati i rquisiti richiesti.

La restituzione delle somme percepite dalla data di accesso al prestito pensionistico alla data di accesso effettivo alla pensione cioè al compimento del sessantaseiesimo anno di età avverrà con la decurtazione dal vitalizio mensile dal 10 al 15%.

I lavoratori che aderiranno al prestito pensionistico potranno, dunque, accedere alla pensione anticipata ma con un vitalizio mensile pari all’85% di quello effettivamente spettante. Per i lavoratori precoci e usuranti che si sono visti alzare l’età pensionabile con l’approvazione della riforma Fornero, il prestito pensionistico potrebbe essere la possibilità di riuscire, finalmente, a raggiungere la pensione.

Favorevole all’introduzione del prepensionamento per tutti coloro che effettuano lavori molto faticosi come turnazioni notturne, lavori edili come scavi o cave o per i lavoratori precoci che hanno iniziato a lavorare già durante l’adolescenza anche il nuovo segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi. Non resta, dunque, che aspettare per vedere cosa potrebbe davvero cambiare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il