BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tares: chi deve pagare, come, entro quando Bollettini arrivati con errori su tassa rifiuti. Guida

Venerdì 24 gennaio si paga la maggiorazione della Tares che prevede un balzello di 30 centesimi al metro quadro. Come effettuare i versamenti. Nessuna sanzione per chi non ha ricevuto bollettini precompilati



Insieme alla mini Imu, venerdì 24 gennaio bisognerà pagare anche la Tares sui rifiuti. In tutti i Comuni d'Italia si deve pagare una maggiorazione di questa tassa che prevede un costo di 30 centesimi al metro quadro. La maggiorazione è dovuto per i servizi indivisibili dei Comuni che non ha alcun collegamento con il costo di gestione dei rifiuti urbani.

Il pagamento della maggiorazione riguarda tutti i contribuenti che hanno occupato immobili soggetti all'applicazione della tassa rifiuti nel corso del 2013. Se il contribuente ha già pagato la maggiorazione con bollettini inviati precedentemente dal Comune, il 24 gennaio non dovrà versare nulla.

La maggiorazione va pagata anche nei Comuni che nel 2013 erano in Tarsu o in Tia. Per effettuare il versamento, si potrà utilizzare il bollettino Tares che dovrebbe esser stato inviato a casa dai comuni, ma è anche trovabile alle poste. Questa tassa sarà pagabile anche in via telematica attraverso il servizio delle Poste Italiane.

Il conto corrente unico per tutti i comuni è 1011136627 intestato a Pagamento Tares. Non saranno soggetti a sanzioni i contribuenti che risiedono in quei Comuni che non hanno provveduto all'invio ai cittadini dei modelli di pagamento precompilati in base all'applicazione delle norme regolamentari e tariffarie. Chi ha ricevuto il bollettino postale, invece, può effettuare il versamento al Comune o alla società che gestisce i rifiuti (bollettino pre-intestato); per la maggiorazione allo Stato, invece, si usa l’F24 allegato.

Chi non avesse ricevuto nulla e volesse pagare da sè deve moltiplicare i metri quadri degli immobili assoggettati alla tassa (casa, garage..) per 30 centesimi e l’importo ottenuto è ciò che bisogna versare tramite codice tributo 3955 con F24 ordinario o semplificato, compilando la sezione ‘EL’, rateazione ‘0101’, anno di riferimento ‘2013’ nei modelli pre-compilati è barrata la casella ‘saldo’ ma questa scelta non è prevista per gli F24 online, per cui o si stampa e si va alla posta o non si barra. Chi non ha ricevuto a casa l’avviso di pagamento può verificare sul sito del Comune la procedura per segnalare il mancato ricevimento del bollettino e può pagare usando il modello di conto corrente postale disponibile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il