BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tares: multe e sanzioni per ritardi pagamento scadenza venerdì 24 Gennaio (AGGIORNATO)

Scade oggi venerdì 24 gennaio il termine di pagamento della Tares sui rifiuti: nessuna sanzione nei Comuni dove i bollettini non sono stati inviati. Come pagare la tassa



Scadono oggi, venerdì 24 gennaio, i termini di pagamento di mini Imu e Tares sui rifiuti: per il pagamento della Tares, chi ha ricevuto il bollettino postale può effettuare il versamento al Comune o alla società che gestisce i rifiuti (bollettino pre-intestato); per la maggiorazione allo Stato, invece, si usa l’F24 allegato.

Chi non avesse ricevuto nulla e volesse pagare da sè deve moltiplicare i metri quadri degli immobili assoggettati alla tassa (casa, garage..) per 30 centesimi e l’importo ottenuto è ciò che bisogna versare tramite codice tributo 3955 con F24 ordinario o semplificato, compilando la sezione ‘EL’, rateazione ‘0101’, anno di riferimento ‘2013’ nei modelli pre-compilati è barrata la casella ‘saldo’ ma questa scelta non è prevista per gli F24 online, per cui o si stampa e si va alla posta o non si barra.

Per esempio, per una casa di 80 mq con garage da 14 mq, l’importo da pagare è di euro 28,2. Chi non ha ricevuto a casa l’avviso di pagamento può verificare sul sito del Comune la procedura per segnalare il mancato ricevimento del bollettino e può pagare usando il modello di conto corrente postale approvato dal DM 14 maggio 2013: il N. di conto 1011136627, bollettino intestato a Pagamento Tares, indicando: Codice catastale del Comune (es: H501 Roma, F205 Milano), Codice identificativo dell’operazione (3944), Dati anagrafici e importo del pagamento (rifarsi alle delibere dei Comuni).

Non saranno pagate sanzioni o interessi in quei Comuni dove i bollettini per il pagamento della tassa non sono stati inviati. Il ministero dell'Economia ha reso disponibile sul sito le risposte alle domande più frequenti che gli operatori pongono agli uffici del Dipartimento Finanze del dicastero in tema di mini-Imu e maggiorazione Tares.

Il Comune di Roma pubblica in Rete una guida al pagamento e ricorda che tutti i possessori di abitazioni principali (escluse A1, A8, A9) devono versare il 40% della differenza d'imposta calcolata applicando l'aliquota deliberata nel 2012 da Roma Capitale (5 per mille) e l'aliquota base prevista dal Governo (4 per mille).

Il programma di calcolo è attivo anche sul sito del Comune di Milano, che presso i suoi uffici presta assistenza ogni giorno ad oltre 160 persone con appositi appuntamenti; sul sito del Comune di Palermo, dove l'aliquota è stata portata allo 0,48 per mille; e di Torino, dove oltre al calcolatore è stato attivato anche un apposito call center comunale.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il