BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: proposta Ministro Giovannini non basata su prestito Inps. Funzionamento poco chiaro

Per evitare si creino nuovi eserciti di esodati, il ministro Giovannini pensa ad una nuova ipotesi di anticipo sull’età pensionabile con il contributo anche delle aziende. La nuova proposta



Nonostante le richieste, mancano ancora certezze sulle possibili soluzioni per mettere un punto, una volta per tutte, alla questione esodati. Si tratta di lavoratori che, per effetto delle nuove norme Fornero che hanno innalzato di colpo l’età pensionabile per tutti, indistintamente, senza tener conto di specificità particolari, rischiano ora di rimanere senza lavoro e senza pensione.

Sono centinaia di migliaia i lavoratori italiani che vivono questa situazione, nonostante l’ex governo Monti ne abbia già tutelati 130mila. In realtà poi, di questo esercito di tutelati, solo una piccolissima parte ricevere effettivamente un assegno pensionistico. E se fino a qualche giorno fa si pensava che la proposta del prestito pensionistico potesse aiutare a contribuire alla soluzione di questo problema, il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, è tornato a parlare sulla possibilità di cambiamenti per il sistema pensionistico italiano, annunciando: “Stiamo lavorando con il Mef per una proposta robusta dal punto di vista finanziario e giuridico alle parti sociali.

L'idea è che contribuiscano tutti e tre i soggetti: i lavoratori, le imprese e lo Stato”, ha detto il ministro, parlando di un “un processo complesso che può prevedere il contributo delle imprese”. Questo quanto anticipato sull'ipotesi di un anticipo dell'età pensionabile, con il contributo anche delle aziende, per evitare che si possano creare nuovi esodati.

Il ministro Giovannini ha, dunque, precisato: “Stiamo pensando ad uno strumento flessibile in funzione della condizione soggettiva del lavoratore”. Cesare Damiano (Pd), presidente della commissione Lavoro della Camera, ha così commentato la proposta di Giovannini: “Ci fa piacere che il governo stia lavorando in queste ore per elaborare una proposta robusta che eviti il formarsi di nuovi esodati, giacchè il tema dei cosiddetti esodati non può dirsi risolto. Ora si tratta di capire nel merito quale sarà la proposta”.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il