BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Conti correnti 2014: spese e commissioni banche. Dai bonifici e non solo. Come risparmiare

Le spese nascoste dei conti correnti sui bonifici bancari: l'analisi del Sole 24 Ore e cosa emerge sui costi di spese e gestione



A partire dal 2014 sono previste novità per correntisti e risparmiatori, contenute nella Legge di Stabilità: innanzitutto è bene chiarire che partire dal prima febbraio 2014, la Bce ha previsto un abbassamento del tasso interesse dei conti correnti. Per questo motivo, le banche che offrono conti correnti remunerati hanno già cominciato a comunicare i clienti  tutte le informazioni riguardanti la diminuzione del tasso interesse dei conti correnti.

Per esempio, Banca di Pisa e Fornacette (Banca BCC For Web) ha comunicato ai propri clienti qualche settimana fa la modifica unilaterale del contratto che prevede una riduzione di 0,50 punti sul tasso interesse del Conto Corrente Completo. Secondo un'analisi del Sole 24 Ore, dopo aver condotto nei giorni scorsi un’indagine sui conti correnti in Italia, è emerso che alcune banche sono solite dividere in tre le spese: c’è infatti una commissione per il bonifico, la spesa di registrazione dello stesso e infine quella di registrazione della commissione.

Per esempio, la commissione media sui bonifici calcolata dal quotidiano di Confindustria è pari a 3,35 euro, cifra che scende nel caso di bonifici online. Il valore medio della spesa di registrazione per ogni singola operazione è di poco inferiore a un euro (il massimo richiesto è di 3,30 euro).

L'analisi del Sole 24 Ore ha rilevato che la commissione media applicata sui bonifici, disposti allo sportello e addebitati in c/c, è pari a 3,35 euro, scende a 2,66 euro se hanno come destinatari c/c della stessa banca, l'onere si riduce a un terzo, rispettivamente a 1,12 e 0,78 euro, se i bonifici sono disposti online su internet (vedi tabella). La spesa di registrazione di ogni operazione non inclusa nel canone, invece, evidenzia un valore medio di 0,91 e uno massimo di 3,30 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il