BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bancomat: obbligatorio Pos per professionisti e imprese nel 2014. Ma proroga ufficiale

Al via da fine marzo l'obbligo di dotarsi di Pos per i pagamenti bancomat per i professionisti e le imprese: come funzionerà e per chi vale



AGGIORNAMENTO: Proroga ufficiale ieri sera e slittamento obblighi. Tutte le novità in quetso articolo.

Sarà ufficialmente in vigore a partire da marzo 2014 l’obbligo di pagare con sistemi di tracciabilità le spese per commercialisti, dentisti, avvocati, e liberi professionisti in generale. E’ stato, infatti, pubblicato ieri sulla Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale che prevede l'accettazione obbligatoria delle carte di debito come modalità di pagamento per l'acquisto di beni, servizi e prestazioni professionali.

Al via, dunque, pagamenti tramite bonifico, carta di credito o bancomat o assegno, cioè strumenti tracciabili, da utilizzare per contrastare l’evasione fiscale. Fino al 30 giugno 2014 l'obbligo di accettare il bancomat varrà solo per le attività commerciali o professionali di maggiori dimensioni, cioè quelle con un fatturato superiore a 200mila euro nell'anno precedente.

In ogni caso, novanta giorni dopo l'entrata in vigore di questo primo decreto attuativo, le modalità di adeguamento per i soggetti con fatturato inferiore a 200mila euro inizialmente esclusi potranno essere definite attraverso un ulteriore decreto, che potrà fissare nuove soglie minime di importo e nuovi limiti minimi di fatturato.

L'obbligo del POS vale per i professionisti con un fatturato superiore ai 200.000 euro e per i pagamenti superiori ai 30 euro, almeno fino al 30 giugno 2014.

Il vincolo di accettare pagamenti elettronici (bancomat, carte di debito…) scatterà, dunque, solo per i importi superiori ai 30 euro. Dal ministero dell'Economia hanno spiegato, per esempio, che il trattamento ortodontico rientra tra le prestazioni professionali in cui le parti possono contrattualmente convenire un pagamento rateale e in tal modo non incappano in violazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il