BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Rottamazione Cartelle Equitalia, multe auto e bollo 2014: regole per fare domanda

Sanatoria pagamento cartelle Equitalia: nessuna sanzione e mora se si paga in un’unica soluzione entro il prossimo 28 febbraio. Come fare a pagare e per quali cartelle vale l’agevolazione



Pagare le cartelle Equitalia senza more e sanzione sarà possibile, secondo quanto stabilito dalla nuova Legge di Stabilità, purchè si paghi in un’unica soluzione la somma da versare entro il 28 febbraio. Questa novità riguarda le cartelle Equitalia e gli avvisi di accertamento esecutivi emessi per tributi di competenza delle Agenzie fiscali (Agenzia delle Entrate, del Demanio, del Territorio, delle Dogane e dei Monopoli), Uffici statali ed Enti locali (Regioni, Province e Comuni), affidati a Equitalia entro il 31 ottobre 2013, comprese le entrate erariali come l’Irpef e l’Iva e bollo dell’auto e multe per violazione al codice della strada.

Esclusi dall’agevolazione i contributi previdenziali richiesti da Inps e Inail. Il pagamento potrà essere effettuato presso tutti gli sportelli di Equitalia, negli uffici postali tramite bollettino F35, indicando tassativamente nel campo ‘Eseguito da’ la dicitura ‘Definizione Ruoli-L.S. 2014’.

Per capire se i tributi inseriti nelle cartelle rientrano nella definizione agevolata, i contribuenti devono verificare la propria situazione debitoria, controllare la data in cui le somme dovute sono state affidate all’agente della riscossione e il tipo di atto ricevuto.

Queste informazioni sono contenute nell’estratto di ruolo che si può chiedere agli sportelli di Equitalia. Per permettere il versamento delle somme dovute entro il 28 febbraio 2014 e la registrazione delle operazioni relative, la riscossione della somma sarà sospesa fino al 15 marzo 2014. Una volta effettuato il pagamento, lo stesso agente della riscossione trasmetterà, anche in via telematica, a ciascun ente interessato, entro il 30 giugno 2014, l’elenco dei debitori che hanno effettuato il versamento nel termine previsto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il