BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2014: oggi scadenza rinnovo.Regole. Multe e sanzioni per ritardi o mancato pagamento

Scade oggi venerdì 31 gennaio il termine di pagamento del bollo auto 2014: come pagarlo, siti Aci e Agenzia delle Entrate, calcoli ed eventuali sanzioni per ritardo pagamento. Chi è esentato



Oggi vi è la scadenza di pagamento del bollo auto 2014, venerdì 31 gennaio. Se entro quest'oggi il bollo non sarà versato, allora si incorrerà in interessi da pagare a seconda del periodo di ritardo in cui si effettua il pagamento. Se, infatti, si paga entro 14 giorni dopo l'ultimo giorno del mese di gennaio, la tassa sarà dello 0,2% per ogni giorno di ritardo; se il ritardo è contenuto entro il mese la tassa sarà del 3%; e sale dello 3,75% se il ritardo arriva a un anno, ma l stangata vera e propria arriverà invece se il ritardo sarà superiore ai 365 giorni: in questo caso la tassa sarà del 30%.

Devono pagare l’imposta i proprietari di vetture con una potenza superiore ai 35kw i cui bollo auto sono scaduti a dicembre 2013, chi circola con ciclomotori o veicoli storici e deve essere corrisposta alla Regione di residenza dell'intestatario del veicolo. Il bollo si calcola in funzione della potenza dell’auto e del suo impatto ambientale (Euro 0, 1, 2, etc), e Aci e Agenzia delle Entrate, per aiutare gli automobilisti nel calcolo di quanto versare, hanno reso disponibili due servizi ad hoc rintracciabili sui seguenti siti http://online.aci.it/acinet/calcolobollo/#inizio-pagina e http://www1.agenziaentrate.it/servizi/bollo/calcolo/RichiestaPagamentoSemplice.htm).

Il bollo auto si può pagare presso gli uffici provinciali A.C.I. e le delegazioni A.C.I.; gli uffici postali; i tabaccai autorizzati; le Agenzie pratiche auto autorizzate; Telebollo e bollonet.

Ma ci sono categorie esenti dal pagamento, come  alcune regioni in cui è stato stabilito che chi decide di acquistare auto elettriche o ibride non pagherà, e si tratta, in particolare, di un beneficio di cui godranno i residenti di Lombardia, Veneto, Lazio, Campania e Puglia; ma l’esenzione vale anche ai disabili e per il titolare del veicolo o per il familiare di cui risulti fiscalmente a carico.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il