BusinessOnline - Il portale per i decision maker








POS commercianti e professionisti 2014:proroga scadenza obbligatorio bancomat. Novità e cosa cambia

Prorogata la scadenza dell’obbligo di Pos per i liberi professionisti a giugno 2014: la novità, per chi sarà obbligatorio e come funzionerà



Slitta a giugno 2014 l’obbligo per i professionisti e le imprese di accettare pagamenti oltre 30 euro con carte di debito e strumenti elettronici, rendendo così obbligatorio il POS negli studi professionali. Il 24 gennaio è stato pubblicato il Decreto Interministeriale che dispone l’entrata in vigore della disposizione dopo il 30 giugno 2014, per chi ha fatturati sotto i 200.000 euro.

Il Ministero ha motivato il rinvio proprio in funzione degli ‘effetti e del rilevante numero dei soggetti destinatari delle disposizioni, di dover individuare, secondo criteri di gradualità e sostenibilità, le categorie di operatori nei confronti delle quali trova applicazione il presente decreto’.

Inizialmente il provvedimento prevedeva che a decorrere dal gennaio 2014, i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi, anche professionali, sono tenuti ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito. Ed infatti la legge, al comma 5 dell’art. 15, stabiliva che uno o più decreti dessero operatività alla disposizione prevedendo gli importi minimi, le modalità e i termini di attuazione della disposizione.

L’obbligo di accettare pagamenti oltre 30 euro con bancomat e tramite POS riguarda carta di debito, che consentono al titolare di effettuare transazioni presso un esercente abilitato all’accettazione della medesima carta, emessa da un istituto di credito, previo deposito di fondi in via anticipata da parte dell’utilizzatore, che non finanzia l’acquisto ma consente l’addebito in tempo reale; consumatore o utente; ed esercenti, tra cui figurano i liberi professionisti. Il rinvio a giugno 2014 è valido tranne per chi fattura meno di 200.000 euro.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il