BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasi e Imu 2014 (IUC):tasse e imposte immobili cambieranno per revisione rendita catastale in arrivo

In arrivo riforma del condominio: le nuove misure previste e come potrebbero influire sulla nuova definizione di aliquote Imu e Tasi



Mentre è stato finalmente raggiunto l’accordo tra Governo e Comuni sulla definizione delle aliquote Tasi da applicare per quest’anno, è pronta ad arrivare la nuova riforma del catasto. Attesa da molto tempo, dovrebbe portare a una ridefinizione delle rendite catastali, con evidente impatto sui futuri importi da versare in fatto di Tasi e Iuc nel 2014. Si tratterà, comunque, di valori, le nuove rendite, che terranno conto del mercato e dell’eventuale contratto di affitto stipulato per l’immobile.

La commissione Finanze del Senato, infatti, ha dato il via libera alla delega fiscale, provvedimento che contiene, oltre a nuovi strumenti di lotta all'evasione e al riordino delle detrazioni, anche la riforma del registro degli immobili. Le eventuali novità si rincorrono ormai da tempo e prevedono innanzitutto che  il territorio sarà diviso in microzone e i vani saranno sostituiti dai metri quadrati; che il valore patrimoniale venga calcolato grazie ad un algoritmo (che andrà moltiplicato per i metri quadrati della casa), partendo dal valore di mercato al metro quadrato, rilevato probabilmente usando i dati dell’ex agenzia del Territorio, e considerando una serie di coefficienti in base alle caratteristiche dell’immobile (anno di costruzione, manutenzione, scale, esposizione, affaccio, riscaldamento centrale o autonomo).

E ancora prevedono che la rendita catastale parta dai valori locativi annui espressi al metro quadrato, da cui si ridurranno le spese sostenute per la manutenzione straordinaria, gli adeguamenti o l’amministrazione.

Questo valore verrà poi moltiplicato per la superficie, e il risultato sarà il valore della nuova rendita; che i contribuenti possano chiedere la rettifica delle nuove rendite, con obbligo di risposta, nel termine di 60 giorni; e le correzione di aliquote impositive, eventuali deduzioni o detrazioni, soprattutto in riferimento alle tasse sulla casa 2014 e alla Tasi, su cui proprio nei giorni scorsi è arrivato l’accordo con i Comuni su aliquote e gettito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il