BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Previsioni meteo oggi 4 Febbraio 2014 e di questa settimana Roma, Milano, Lombardia, Veneto

Previste ancora precipitazioni tra oggi e domani: saranno molto intense soprattutto nelle regioni del Nord. Resta l’allerta Tevere a Roma anche se in calo. La situazione



Sicilia investita da forti piogge, situazione ancora preoccupante nel Lazio, soprattutto nella Capitale, e in Veneto, e Toscana, mentre il maltempo si abbatte ancora sulle regioni del Nord in generale: sono stati giorni di nubifragi e nevicate che hanno letteralmente messo in ginocchio il Paese. Tutta la Sicilia è stata investita da forti piogge.

Un anziano è rimasto ferito a Palermo dopo i rami di un albero secolare sono caduti sul suo furgone. Immediatamente soccorso, è stato trasportato in stato di choc in ospedale. Nel Catanese i vigili del fuoco sono riusciti a trarre in salvo due persone rimaste intrappolate all'interno di un fuoristrada travolto dal fiume Simeto, in territorio di Adrano. Nel Ragusano numerosi gli interventi dei pompieri per scantinati allagati, rami di alberi spezzati, detriti che hanno investito le arterie stradali. Frane e smottamenti nell'Ennese.

Oggi, lunedì 3 febbraio, le piogge continueranno ad interessare quasi tutta la Penisole: precipitazioni previste in Piemonte, Lombardia, neve ad alta quota , mentre in Veneto nei prossimi giorni è prevista una nuova impennata del livello dell'acqua. Secondo il bollettino della Regione, la fase più intensa dovrebbe durare fino alla prima parte di oggi, lunedì, per essere poi seguita da una temporanea attenuazione e da nuovo peggioramento nella giornata di martedì.

Sempre martedì il limite della neve si abbasserà gradualmente dagli attuali 1500/1700 metri sulle Prealpi e 1300/1500 metri sulle Dolomiti fino ai 700/1200 metri. Le zone più interessate dai fenomeni saranno la fascia prealpina e pedemontana, in particolare quella vicentina e veronese, e quella della pianura nord-orientale.

A Roma, invece, rimane l’allerta Tevere anche se il suo livello inizia a calare. Intanto, il prefetto di Roma ha inviato l'esercito a Fiumicino, su richiesta del sindaco Esterino Montino e dei vigili del fuoco, forze militari dell'esercito a Fiumicino, muniti di idrovore per cercare di liberare la zona dall'acqua. In particolare, i militari andranno a Isola Sacra, la zona più colpita dal nubifragio di questi giorni.

Dopo il nubifragio di venerdì scorso, al terzo giorno di emergenza, a Fiumicino le maggiori preoccupazioni sono, infatti, puntate sulla zona dell'Isola Sacra, compresa tra la foce minore e maggiore del Tevere e piena di canali di bonifica, gonfi d'acqua.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il