BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Letta: la situazione aggiornata della settimana

In pensione prima dell’attuale soglia fissata dalle nuove norme Fornero: la proposta cui sta lavorando il ministro del Lavoro Giovannini. Cosa prevede e per chi è stata pensata



Andare in pensione prima rispetto alla soglia attuale fissata dalla legge Fornero: desiderio di tutti possibilità di pochi. Le nuove norme entrate in vigore con l’avvento della riforma Fornero hanno innalzato l’età pensionabile per tutti, uomini e donne, senza considerare alcuna specificità di particolari settore, come quello della scuola, e senza tener contro di altre regole, per cui, per esempio, è nato il gran caso degli esodati, una, come spesso definito, delle emergenze sociali del nostro Paese ormai, ancora in attesa di risposte concrete e soluzioni.

Per effetto, infatti, delle nuove norme Fornero, gli esodati rischiano di ritrovarsi senza lavoro e senza pensione. Per ovviare a queste situazioni di malcontento se, per gli esodati nello specifico sono stati approvati decreti ad hoc di tutela, anche se poi non del tutto effettivi ancora, il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, per le altre categorie, sta lavorando alla riformulazione, in sostanza, di una proposta già avanzata mesi fa, vale a dire quella del prestito pensionistico, che permetterà di arrivare alla pensione di anzianità anticipata.

Ma si tratta di un provvedimento che interesserà particolari categorie di soggetti vicini alla pensione, con un contributo delle aziende. La proposta di accesso alla pensione anticipata sarebbe ampliata a lavoratori delle piccole e medie imprese, con un contributo da parte di queste.

L’accesso alla pensione in anticipo con il prestito Inps permette a soggetti prossimi alla pensione, a 62 anni, di ricevere un prestito sulla pensione che, al raggiungimento dei requisiti anagrafici e contributivi previsti dalla riforma Fornero, dovranno poi restituire. Il prestito pensionistico a  cui sta lavorando il governo, su base volontaria, non prevede alcuna modifica delle regole Fornero ma permette di allargare anche agli addetti di aziende minori la possibilità di accesso alla pensione con un sostegno economico transitorio che poi, però, verrebbe restituito con gradualità dopo il pensionamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il