BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Letta: nuova circolare Inps con uscita anticipata per tutti

Nuova circolare Inps chiarisce come chiedere prepensionamento da parte di tutti. Misura valida non solo per donne. Cosa fare



Arriva una nuova circolare Inps che spiega come poter ottenere la pensione anticipata, estendendo questa possibilità a tutti e non, come annunciato qualche settimana fa, solo alle donne. Con il messaggio dello sorso 29 gennaio, l’Istituto nazionale di previdenza sociale ha confermato la possibilità concessa ai datori di lavoro di incentivare l’uscita dei lavoratori vicini alla pensione secondo le norme Fornero.

L’Inps ha, inoltre, invitato a divulgare il messaggio. Saranno i datori di lavoro che, attraverso un fascicolo elettronico aziendale, aprendo la sezione Contatti, dove, nel campo oggetto, dovranno contrassegnare la dicitura ‘esodi lavoratori prossimi a pensione’. In questo modo, potrà essere inviato il modello SC/77 direttamente all’ufficio Imps competente, cioè quello dove l’azienda svolge le pratiche di regolarizzazione del dipendente e pagamento contributi.

Alla richiesta, dovrà essere allegato l’elenco completo dei beneficiari interni all’azienda e questa operazione andrà realizzata non oltre il 90esimo giorno precedente l’attivazione della prestazione per il primo lavoratore che accederà all’esodo di tipo annuale.

Pensione anticipata, dunque, non solo per le lavoratrici autonome e dipendenti nel pubblico e nel privato, che, con assegno ridotto, potranno lasciare il lavoro a 57 anni di età e 35 di contributi se dipendenti e 58 anni di età e 35 di contributi se autonome.

La nuova circolare dell’Inps arriva anche per cercare di dare nuove risposte alla questione esodati, cercando di favorire l’uscita dal lavoro che chi avrebbe già maturato i requisiti per andare in pensione ma che a causa delle nuove norme Fornero è rimasto bloccato nel limbo, a metà strada tra rischio di rimanere senza lavoro o senza pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il