Isee 2014 nuovo da oggi in vigore 8 Febbrai: chi, come, quando possono fare domande. Come funziona

In vigore da domani sabato 8 febbraio il nuovo Isee 2014 per accedere a prestazioni socio-sanitarie e non solo per famiglie meno abbienti: tempi, novità e come fare



Al via da domani, sabato 8 febbraio, il nuovo Isee 2014, l’indicatore della situazione economica familiare, che garantisce prestazioni socio-sanitarie e non solo agevolate a chi dimostri di vivere in condizioni di estrema difficoltà economica. Per esempio, viene richiesto per accedere alle graduatorie per gli nido , gli alloggi di edilizia popolare o per avere sconti nelle tasse universitarie ecc.

Si tratta di un valore che viene calcolato sulla base di molti indicatori, come reddito , patrimonio, componenti della famiglia, eventuali disabilità, ecc. e viene certificato in un documento chiamato  Attestato o Certificazione ISEE da presentare all'ente a cui si richiede la prestazione agevolata.

Dalla data di domani 8 febbraio ci vorranno poi 120 giorni per l’entrata in vigore ufficiale. Il primo appuntamento cruciale per l’attuazione del nuovo Isee è fissato al 9 maggio 2014, quando scadrà ufficialmente la fase iniziale dell’iter. Poi, il ministro lavoro Giovannini con il ministro dell’Economia, Inps, Agenzia delle Entrate e Garante della Privacy, presenterà  il testo descrittivo della nuova Dichiarazione Unica Sostitutiva-DSU, documento che ogni nucleo famigliare dovrà compilare per poter usufruire dei benefici fiscali e di welfare previsti  in base al proprio indicatore.

Entro i successivi 30 giorni, cioè entro il 9  giugno, gli enti interessati dovranno adeguarsi alle nuove disposizioni, e il nuovo strumento sarà ufficialmente in vigore.

Tra le principali novità dell’Isee, la minore possibilità di autocertificazione: rispetto allo scorso anno, d’ora in poi solo una parte dei dati potrà essere autocertificata dal contribuente, mentre i dati fiscali e i dati Inps più importanti saranno compilati direttamente dall'Amministrazione, consentendo in tal modo di rafforzare i controlli mediante l'incrocio con le diverse Banche Dati fiscali e contributive e di ridurre le situazioni di accesso indebito alle prestazioni agevolate.

Da quest’anno, si può presentare un ‘Isee corrente’ in caso di variazioni superiori al 25% dell’indicatore della situazione reddituale dovute a variazioni della situazione lavorativa. In base al calcolo dell’Isee verrà poi stabilito se è possibile concedere o meno le prestazioni previste che beneficiano di agevolazioni, come prestazioni sociali, prestazioni sociali agevolate, prestazioni agevolate di natura sociosanitaria, prestazioni sociali rivolte ai minorenni, e riguardanti il diritto allo studio universitario.

Da quest’anno vengono, inoltre, inclusi nel reddito, insieme al reddito complessivo ai fini Irpef, anche tutti i redditi tassati con regimi sostitutivi o a titolo di imposta (ad esempio, contribuenti minimi, cedolare secca sugli affitti, premi di produttività, Tfr, ecc.); tutti i redditi esenti e, quindi, anche tutti i trasferimenti monetari ottenuti dalla Pubblica Amministrazione (assegni al nucleo familiare, pensioni di invalidità, assegno sociale, indennità di accompagnamento, ecc.); e i redditi figurativi degli immobili non locati e delle attività mobiliari.

Il nuovo Isee considera il patrimonio all’estero e il valore degli immobili rivalutato ai fini Imu; e riduce da 15.494 euro a 10.000 euro la franchigia massima sulla componente mobiliare, in base ai componenti del nucleo familiare, poichè sale di 1.000 euro per ogni figlio dal terzo in poi.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il