BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Azioni e Mercati Emergenti 2014:crolli pesanti.Possibile riprese,conviene investire.Previsioni ING

Nessuna certezza sull’andamento economico futuro: troppe variabili in gioco. Unanime il parere degli esperti sugli Emergenti: le prospettive saranno negative



In un momento di incertezza e volatilità dei mercati, come quella che caratterizza questo periodo, fare previsioni su quelli che potranno essere gli andamenti economici futuri è al momento difficile, tutto dipende da troppe variabili, ma una cosa è certa: gli esperti sono concordi nell’affermare che è meglio tenersi alla larga in questo 2014 dagli Emergenti.

E, come riporta CorrierEconomia, ne sono convinti anche gli olandesi di Ing Investment Management. Valentijn van Nieuwenhuijzen, responsabile della strategia di investimento della società olandese, dice: “Nel mercato del reddito fisso ci aspettiamo che i rendimenti saranno inferiori a quelli degli ultimi due anni e per questa ragione saranno molto importanti le scelte di diversificazione del portafoglio”. Secondo gli analisti di Ing, infatti, alcune classi di obbligazioni, in particolare i Bund tedeschi e i Treasury americani, produrranno rendimenti negativi, cioè perdite, m non tutti i bond incorreranno in questo rischio.

I tassi di interesse molto bassi e la ripresa economica, seppur lieve, favoriscono invece il comparto azionario. E van Nieuwenhuijzen spiega: “Anche in questo caso, occorrerà differenziare attentamente il portafoglio perché le borse dei paesi sviluppati offriranno ancora buoni rendimenti mentre i listini dei paesi emergenti potrebbero peggiorare ulteriormente dopo le perdite già incassate nell’ultimo biennio”.

Le prospettive migliori, secondo gli olandesi, spettano ai listini d’Europa ed anche negli Stati Uniti è possibile una crescita moderata di Wall Street. Negative, invece, le prospettive dei mercati emergenti, “in cui alla crescita economica più elevata rispetto a quella dei paesi più sviluppati non si accompagna un parallelo aumento degli utili societari”, conclude van Nieuwehuijzen.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il