BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Letta ultime notizie: nuovo rilancio di Damiano. Attesa proposta Giovannini

Damiano rilancia sulle pensioni e si aspetta per questo mese la proposta del ministro Giovannini: cosa potrebbe cambiare davvero e modifiche necessarie



“Continuo a sostenere la flessibilità in uscita anche se costa. Con la drastica, anzi draconiana riforma Fornero, tra il 2020 e il 2060 dalle pensioni verranno drenate risorse superiori ai 300 miliardi di euro. Si tratta di una cifra imponente di trasferimento da stato sociale a debito. E io penso che possa essere restituita ai pensionati in termini di flessibilità: se di quei 300 miliardi gliene portiamo via uno, non cambia niente. In questo modo faremmo anche giustizia sociale”: Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro, rilancia sulle pensioni, non nascondendo il fatto di considerare la riforma Fornero troppo rigida e che necessita di modifiche.

Sulle pensioni è intervenuta anche Nicola Nicolisi, segretario nazionale della Cgil, che dice “se il governo non si deciderà entro breve a cambiare rotta in campo previdenziale, condannerà le generazioni alla precarietà e l'intera struttura sociale del paese sarà soggetta a una sofferenza sempre maggiore.

I problemi principali dell'attuale riforma Fornero sono infatti l'aver aumentato troppo l'età della pensione, bloccando così il naturale turn over del mercato del lavoro, già in profonda crisi”. Intanto entro metà mese, al massimo alla fine, dovrebbe arrivare la proposta del ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, che ha formulato l'ipotesi del prestito previdenziale che permetterebbe ai lavoratori e ai disoccupati a cui mancano pochi anni per andare in pensione, di accedere anzitempo all'assegno pensionistico ottenendo un prestito pari a circa l'80% del proprio stipendio.

Una volta raggiunti i requisiti pensionistici richiesti dall'attuale legge Fornero, dovrà estinguere il debito attraverso una decurtazione sull' assegno pensionistico pari al 10-15%. Il prestito Giovannini sembra al momento una delle poche via d'uscita per i lavoratori che vogliono accedere anticipatamente alla pensione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il