Iuc 2014, Tasi e Imu: pagamento e calcolo senza modelli e bollettini precompilati da fare da soli

I contribuenti dovranno pagare la Iucda soli senza modelli e bollettini precompilati: come fare. Scadenze e come si compone la nuova imposta unica comunale



La nuova Iuc, imposta unica comunale, che da questo 2014 rappresenta la tassazione sulla casa, dovrà essere pagata dai contribuenti senza modelli e bollettini precompilati. La bozza di decreto preparata da ministero dell'Economia e agenzia delle Entrate, infatti, non obbliga il Comune a prestampare i bollettini postali (con un possibile effetto-domino sui modelli F24), il che significa che i contribuenti dovranno provvedere da soli al versamento.

La prima rata dell’Iuc, che comprende Tari sui rifiuti, Imu sulla componente immobiliare, e Tasi sui servizi indivisibili comunali, come manutenzione strade e parchi o illuminazione pubblica, dovrebbe essere in programma per il prossimo 16 giugno. In particolare, le scadenze Imu di quest’anno rispettano le stesse dello scorso anno, 16 giugno e il 16 dicembre; la scadenza Tari 2014 è fissata in due rate semestrali i cui termini sono stabiliti da ciascun comune ma al momento è fissato il pagamento in un’unica soluzione entro il 16 giugno; la Tasi, infine, rispetta le due stesse scadenze per la Tari.

L’Imu che trova applicazione quest’anno, è la vecchia imposta del 2012, ma non si applicherà sulla prima casa e relative pertinenze; la Tasi, la tassa sui servizi comunali, è la quota della Iuc destinata al finanziamento dei servizi dei Comuni, come l’illuminazione e la manutenzione delle strade, fognature, ecc.

Per quanto riguarda le aliquote Imu e Tasi si è raggiunto un accordo tra Governo e Comuni per cui si è deciso un aumento della Tasi, la tassa sui servizi comunali per finanziare una serie di detrazioni destinate ai comuni. Tale aumento è dello 0,8 per mille da applicare, a discrezione dei comuni, sulla prima o sulla seconda casa, portando i rispettivi tetti per il 2014 rispettivamente al 3,3 per mille e all’11,4 per mille (inclusa l’Imu).

L’aliquota Tasi sulle prime case è di certo più ridotta della vecchia Imu (2,5 per mille rispetto al 6 per mille) ma ad essere fortemente penalizzati saranno i proprietari di seconde e terze case e i possessori di un immobile produttivo. Per quanto riguarda la Tari, vecchia tassa sui rifiuti, si pagherà da quest’anno in base ai metri quadri.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il
Puoi Approfondire