BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati:nuova legge Governo Letta a Marzo ma quasi tutti non hanno avuto la pensione

Nuova legge a marzo su esodati per “rispondere alla richiesta arrivata da migliaia di persone vittime di una pesante ingiustizia sociale” come detto dalla presidente dalla Camera Laura Boldrini. La situazione



L’annuncio è stato confermato dalla presidente della Camera, Laura Boldrini: “La proposta di legge sugli esodati sarà in aula entro marzo per rispondere alla richiesta arrivata da migliaia di persone vittime di una pesante ingiustizia sociale”. La presidente della Camera parla dell'incontro con una delegazione di esodati che hanno manifestato davanti Montecitorio e dell'accelerazione impressa al provvedimento che li riguarda.

Secondo la Boldrini, “I cosiddetti esodati hanno tutte le ragioni di sentirsi traditi,migliaia di famiglie vittime di quella che non esito a definire una pesante ingiustizia sociale, persone sottoposte ad una inaccettabile incertezza, addirittura sul loro numero, visto che dopo due anni non sappiamo ancora con precisione quanti siano le lavoratrici e i lavoratori coinvolti e anche le risorse economiche a disposizione”.

La presidente della Camera ha dunque chiesto all'Inps di fornire una relazione trimestrale sullo stato di liquidazione delle pensioni per i lavoratori esodati salvaguardati dal governo. I numeri diffusi in merito al rapporto pubblicato dall’Inps sulle operazioni di salvaguardia dei lavoratori esodati certificano uno stato di assoluta emergenza: in media, un solo esodato su 5 ha effettivamente ottenuto la liquidazione della pensione, circa 33.147 a fronte di oltre 160 mila unità complessivamente salvaguardate dall’esecutivo.

Le posizioni certificate dall’Istituto di previdenza alla data del 20 gennaio sono nel complesso 82.458 di cui 62.383 relative alla prima salvaguardia che prevede la copertura di 65.000 posizioni, 14.450 alla seconda salvaguardia, che prevede 55.000 coperture e 5.625 alla terza che prevede 10.130 coperture.

Quanto alle ultime due salvaguardie per 32.000 coperture complessive il rapporto precisa che per la quarta relativa a 9.000 coperture è in corso la presentazione alle direzioni territoriali del lavoro delle istanze degli interessati, con termini di scadenza fissati al 26 e 27 febbraio a seconda della categoria di appartenenza. Per la quinta salvaguardia relativa a 23.000 posizioni deve ancora essere pubblicato il decreto interministeriale di attuazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il