BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Iscrizioni università medicina, architettura, veterinaria, professioni sanitarie online 2014-2015.

Al via da oggi mercoledì 12 febbraio le iscrizioni ai test di ingresso per le Facoltà a numero chiuso. Come fare per iscriversi, informazioni e date prove. Unico test dopo l’estate quello per le Professioni Sanitarie



Al vi da oggi, mercoledì 12 febbraio, le iscrizioni online per i test di ingresso alle Facoltà a numero chiuso. Gli studenti potranno inviare domande di partecipazione alle prove esclusivamente online attraverso il portale Universitaly (www.universitaly.it) fino alle 15 dell'11 marzo 2014. Per iscriversi ogni candidato deve selezionare, in ordine di preferenza, le sedi per cui intende concorrere; la graduatoria terrà conto di tali preferenze e più alto sarà il punteggio conseguito al test più sarà alta la possibilità di accedere alla sede prescelta. Bisognerà pagare poi una tassa entro il 18 marzo, che sarà diversa a seconda degli atenei in cui si sosterrà il test.

Per potersi iscrivere il candidato dovrà fornire i propri dati personali (nome, cognome, giorno e luogo di nascita, sesso, cittadinanza, codice fiscale, residenza, Paese, email) e presentare al momento del test poi un documento valido. I test di ammissione alle Facoltà a numero chiuso quest’anno si svolgeranno in tempi diversi rispetto al solito: al via già il prossimo aprile.

Si parte con il test per Medicina e Chirurgia e Odontoiatria e Protesi Dentaria (lingua italiana), che si terrà l’8 aprile 2014; Medicina Veterinaria, il 9 aprile; Architettura, il 10 aprile; Medicina e Chirurgia (lingua inglese), il 29 aprile.

L’unico test che si terrà come di consueto dopo le vacanze estive è quello per Professioni sanitarie, in calendario il 3 settembre 2014. Il Miur ha spiegato che questa decisione è stata presa per ‘allineare l'Italia alla prassi di altri paesi, con il doppio scopo di favorire l'ingresso di studenti stranieri e di consentire il tempestivo avvio dei corsi sin dall'inizio dell'anno accademico’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il