BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: cosa può accadere con caduta e crisi Letta

Il governo vacilla di nuovo: possibile nascita nuovo governo Renzi. Cosa potrebbe cambiare per le pensioni e nomi possibile nuovo ministro del Lavoro



Il governo traballa di nuovo: il primo ministro Enrico Letta vacilla, la situazione è di nuovo molto confusa e si prospetta all’orizzonte la possibilità di Matteo Renzi come nuovo premier. L’avvento dei quest probabile nuova era Renzi potrebbe portare novità anche in ambito pensioni: Marianna Madia, la nuova responsabile del Lavoro, ha innanzitutto precisato che “Si devono allargare le tutele economiche e sociali per chi lavora e, per chi dovesse perdere il posto, ragionare sul cosiddetto reddito minimo garantito” in linea con l'idea di un necessario riequilibrio tra chi è troppo tutelato e chi non lo è per nulla.

Per Madia, il sostengo al reddito dovrebbe interessare tutti, lavoratori dipendenti, autonomi a progetto o con partita Iva, e bisognerebbe rivedere la legge Fornero, garantire gli esodati, ma anche i precari senza pensione. Sul capitolo previdenza, per esempio, la nuova responsabile Lavoro ha aperto a una revisione delle norme Fornero dicendo “C'è da risolvere la questione degli esodati ma anche un altro aspetto, e cioè il fatto che chi oggi versa contributi per carriere discontinue o non avrà una pensione, o la avrà da fame”.

E con l’avvento dell’eventuale governo Renzi inizia anche il toto nomi al possibile successore dell’attuale ministro del Lavoro, Enrico Giovannini. Da settimane circola ormai il nome di Guglielmo Epifani, ex segretario Cgil, come possibile nuovo ministro del Lavoro, e questo nome potrebbe fare molto piacere a tanti considerando che, da ex segretario Cgil, lavorerebbe sicuramente dalla parte dei lavoratori.

Le priorità per Epifani sarebbero la questione esodati e le modifiche all’attuale legge Fornero, che Epifani ha sempre contestato e ha detto: “Vanno fatte due operazioni: allargare il numero di coloro ai quali il governo deve dare delle risposte; pensare non solo agli esodati in essere, ma anche all’altra tipologia di esodati che si creerà con l’innalzamento del pensionamento generato dalla legge Fornero”.

Da rivedere anche la questione dell’innalzamento dell’età pensionabile per le donne, che bisogna, secondo Epifani, “portarlo avanti in maniera uguale all’innalzamento per gli uomini.

Epifani, infatti, mette in discussione il pari innalzamento dell’età pensionabile per donne e uomini e spiega che “in questa crisi paghiamo alcune scelte forsennate”. Ma altri nomi che circolano papabili per subentrare al ministro Giovannini sono quelli degli economisti Tito Boeri e Lorenzo Bini Smaghi, di Carlo Padoan, presidente dell'Istat e di Andrea Guerra, amministratore delegato di Luxottica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il