BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati, Renzi e nuovo Governo: la situazione aggiornata e il punto della settimana con nuov

Necessario risolvere la questione esodati nata da errori di formulazione dell’attuale legge Fornero: la priorità di Renzi. Cosa potrebbe cambiare per loro?



Solo qualche giorno fa l’annuncio: “La proposta di legge sugli esodati sarà in aula entro marzo. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo rispondendo alla richiesta arrivata da migliaia di persone vittime di una pesante ingiustizia sociale”. La notizia era stata data dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, che aveva parlato dell'incontro con una delegazione di esodati che hanno manifestato davanti Montecitorio e dell'accelerazione impressa al provvedimento che li riguarda.

La Boldrini aveva detto: “Ho voluto parlare con loro per esprimergli la mia solidarietà perché sono vittime di una ingiustizia sociale fortissima, che penalizza migliaia di persone e tiene queste famiglie in una condizione di inaccettabile incertezza. Comprendo le ragioni per cui si sentono traditi e ritengo che le istituzioni debbano riparare”.

Gli esodati hanno chiesto una soluzione strutturale del problema, che sia definito il numero totale di persone coinvolte e di stabilire le risorse economiche a disposizione per le tutele. La Boldrini ha chiesto all'Inps di fornire una relazione trimestrale sullo stato di liquidazione delle pensioni per i lavoratori esodati salvaguardati dal governo.

Ma i dati al momento sono decisamente allarmanti: secondo il rapporto pubblicato dall’Inps sulle operazioni di salvaguardia dei lavoratori esodati, in media, un solo esodato su 5 ha effettivamente ottenuto la liquidazione della pensione, circa 33.147 a fronte di oltre 160 mila unità complessivamente salvaguardate dall’esecutivo.

Le posizioni certificate dall’Istituto di previdenza alla data del 20 gennaio sono nel complesso 82.458 di cui 62.383 relative alla prima salvaguardia che prevede la copertura di 65.000 posizioni, 14.450 alla seconda salvaguardia, che prevede 55.000 coperture e 5.625 alla terza che prevede 10.130 coperture. Tocca ora al segretario del Pd risolvere la questione, del resto sono proprio gli esodati a configurarsi come priorità dell’eventuale nuovo esecutivo.

Secondo Renzi, infatti, sono un errore nato dalla legge Fornero che merita di essere risolto. E, sostenuto da quello che al momento viene indicato come probabile sostituto dell’attuale ministro del Lavoro Enrico Giovannini, Guglielmo Epifani, il segretario del Pd si impegnerà perché nel tempo la platea di coloro che rischiano di rimanere senza reddito da lavoro e senza pensione non si allarghi ancora, assicurando, al contempo, salvaguardia per coloro che ne sono ancora sprovvisti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il