Migliori Mutui febbraio 2014:tasso interesse variabile e fisso. Spese, condizioni, costi. Confronto

Mutui a tasso fisso o variabile? E’ il dilemma di chi deve acquistare una casa. I migliori da scegliere e quali preferire per convenienza e proprie esigenze



Decidere di accendere un mutuo rappresenta sempre un pensiero per chi deve acquistare una casa: meglio, infatti, rifletterci prima un po’ e valutare tutte le condizioni previste da quelli a tassi variabile e a tasso fisso. Una volta valutate le condizioni, bisogna considerare le proprie esigenze e quindi procedere alla scelta del mutuo.

Oggi la maggior parte dei nuovi contratti mutui stipulati sono a tasso variabile, perché i migliori mutui a tasso fisso partono con un tasso del 5,5% rispetto al 3% del variabile. E la convenienza dei variabili dovrebbe continuare, secondo le previsioni, anche per questo 2014. Le previsioni sui tassi di interesse dei mutui per il 2014 indicano, infatti, che l'Euribor dovrebbe rimanere stabile anche quest'anno, risalendo solo sul finire dell'anno e andando a toccare lo 0,35% per la versione a 3 mesi. Attualmente l'Euribor a 1 mese è allo 0,22%, l'Euribor a 6 mesi allo 0,40%, ed entrambi sono previsti stabili come quello a 3 mesi, il più usato per i mutui variabili.

La crescita è prevista dal 2015 in poi. Fra i migliori mutui a tasso variabile di questo mese di febbraio 2014 per l’acquisto di una casa del valore di 150.000mila, per un mutuo di 100mila, l’offerta più conveniente è quella di Mutuo Variabile di Bnl Gruppo Bnp Paribas che prevede il pagamento di una rata mensile di 548,88 euro al mese, ad un tasso del 2,8% e un taeg del 3,02%; a seguire c’è Mutuo Pratico a Tasso Variabile di Deutsche Bank che prevede il pagamento di una rata mensile di 549,11 euro al mese, con un tasso del 2,89% e un taeg del 3,08%; e infine c’è Mutuo Arancio Variabile di Ing Direct che prevede il pagamento di una rata mensile di 544,37 euro, con un tasso del 2,99% e un taeg del 3,18%.

Secondo un’indagine di MutuiOnline, le migliori offerte oggi sono quelle proposte da Cariparma (gruppo Credit Agricole) tra le banche tradizionali, Hello Bank, banca virtuale di Bnl (che fa parte del gruppo transalpino Bnp Paribas), Webank, e IwBank. Le analisi riguardano mutui a tasso fisso e variabile considerati in base all’andamento del mercato reale.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il