BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Indulto e Amnistia: la situazione aggiornata. Facciamo il punto della situazone

Renzi da sempre contrario a misure di indulto e amnistia: cosa succederà ora che è nuovo presidente del Consiglio? Quale sarà il futuro del decreto svuota carceri?



Decreto svuota carceri a rischio con l’avvento del nuovo governo Renzi. Spesso, infatti, il nuovo premier ha ribadito la sua contrarietà a queste misure. E ora ci si chiede come potrebbe effettivamente proseguire l’iter del decreto. Il programma di Renzi parte innanzitutto dalla definizione di una riforma della legge elettorale, l’Italicum, e quella che porterà alla nascita del nuovo Senato; per arrivare al suo nuovo piano per il lavoro, jobs act, alle novità su contratti di inserimento a tempo indeterminato a tutele crescenti, assegno universale per chi perde il posto di lavoro; a misure su indulto e amnistia.

Il nuovo presidente del Consiglio aveva criticato fortemente tali misure, definendole un ‘gigantesco errore’ e aveva detto: “Come facciamo a spiegare ai ragazzi il valore della legalità, se poi ogni sei anni quando abbiamo le carceri piene buttiamo fuori qualcuno.

Si possono cambiare la Bossi-Fini e la Fini-Giovanardi. Bastano i cognomi per capire perché. Ma non è per quello che li cambiamo, le cambiamo perché non hanno funzionato”.

Per quanto riguarda amnistia e indulto, Renzi, pur sottolineando la condizione effettivamente disumana delle carceri, ritiene che bisogna lavorare su una riforma della giustizia, quindi sulle leggi, piuttosto che su una misura di clemenza che, adottata nel 2006, non ha portato a nulla di risolutivo. Intanto allo studio del Parlamento ci sarebbero i 4 DDL da cui dovrebbe nascere un testo unico che potrebbe rappresentare la proposta dettagliata da sottoporre al Parlamento per lo svuotamento delle carceri italiane.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il