BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni usuranti e precoci Governo Letta: cambiamenti possibili con nuovi Ministri

Precoci e usuranti in pensione anticipata grazie a nuove ipotesi di maggiore flessibilità in uscita: i possibili cambiamenti con nuovi ministri e governo Renzi



Italia di nuovo in crisi politica ma il nuovo premier incaricato, Matteo Renzi, assicura entro sabato la costituzione del nuovo governo. E impazza il toto ministri, soprattutto per quelli che andranno a sostituire gli attuali Fabrizio Saccomanni all’Economia ed Enrico Giovannini al Lavoro. L’attenzione su questi ministeri è puntata soprattutto in merito agli eventuali cambiamenti che potranno derivare nel mondo delle pensioni. L’attuale impianto pensionistico è spesso, infatti, finito nel mirino di proteste e polemiche a causa di norme non proprio eque e che hanno creato non pochi problemi, come quelli di esodati e Quota 96.

Ora, con i nomi al vaglio di Cesare Damiano, Guglielmo Epifani, Tito Boeri, Pietro Ichino, Marianna Meda, si spera che possa riaccendersi qualche speranza di cambiamento, soprattutto per determinate categorie di lavoratori come precoci e usuranti. Da tempo, infatti, sono stati richiesti interventi per loro, ma nulla è mai stato fatto.

Fino a qualche settimana fa, per le pensioni di lavoratori precoci e usuranti la principale ipotesi allo studio era l'idea di prepensionamento con il prestito dell'ex ministro Giovannini, sistema che permetterebbe un'uscita anticipata dal lavoro di due o tre anni, con assegni da restituire poi una volta maturati i requisiti effettivamente richiesti per la pensione. Ci si chiede ora cosa potrebbe cambiare con l’avvento del governo Renzi e se sarà mantenuta l’idea di attuare questo prestito previdenziale.

Ma se, per esempio, toccherà a Damiano diventare ministro, si tornerebbe sicuramente a considerare l'ipotesi di maggiore flessibilità, per cui a fronte di penalizzazioni contenute sull'assegno pensionistico, permetterebbe ai lavoratori di lasciare prima il lavoro, misura che potrebbe agevolare l’uscita anticipata di lavori usuranti o precoci.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il