BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni ultime notizie Governo Renzi: quali cambiamenti aspettarsi realmente Legge Fornero

Un piano per un’uscita più flessibile dal lavoro: le possibili modifiche sulle pensioni. Molto dipenderà dalla scelta del nuovo ministro del Lavoro. Situazione



Stravolgere la legge Fornero sulle pensioni non è nei programmi del nuovo premier incaricato, Matteo Renzi. Da sempre, infatti, ha sostenuto quanto importante fossero le norme in essa contenute, specificando, tuttavia, che effettivamente qualche modifica appare necessaria, soprattutto in riferimento a determinate categorie di lavoratori.

Troppo alta la soglia di età pensionabile (fissata a 66 anni) per tutti, iniquo l’innalzamento equiparato fra uomini e donne, necessari interventi a sostegno degli esodati, probelma generato dalla formulazione stessa della legge Fornero. Le speranze sembrano, dunque, tutte risposte nel nuovo governo che, come annunciato da Renzi stesso, entro domani dovrebbe aver preso forma ufficiale. E particolare attenzione è rivolta a colui che diventerà nuovo ministro del Lavoro al posto di Enrico Giovannini.

Da giorni circolano i nomi di Guglielmo Epifani, ex segretario della Cgil e del Partito Democratico; Piero Ichino, senatore di Scelta Civica; Cesare Damiano, già presidente della commissione Lavoro alla Camera. Potrebbe rientrare in un nuovo programma di riforma del Lavoro un piano di flessibilità e pensioni anticipate per far uscire più persone e permettere assunzioni dei giovani; nuove misure a favore di esodati e lavoratori precoci ed usuranti.

Del resto, ormai da mesi, si chiedono interventi in merito e, nonostante le salvaguardie pensate per gli esodati, dall’ex governo Monti fino a quello guidato da Enrico Letta, sono ancora migliaia coloro che rischiano di rimanere senza reddito da lavoro e senza pensione, senza considerare poi tutti coloro che sono rientrati nelle salvaguardie stabilite ma non hanno ancora effettivamente iniziato a ricevere l’assegno mensile. Bisogna, dunque, aspettare ancora un po’ per vedere quali saranno le modifiche davvero apportare in merito e come evolverà la situazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il