BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni precoci e usuranti Governo Renzi:cambiamenti reali possibili seppur non subito in programma

Nuovi scenari su modifiche pensioni per precoci ed usuranti con nuovo ministro del Lavoro al posto di Giovannini: cosa potrebbe profilarsi all’orizzonte?



Qualche modifica specifica per favorire il pensionamento flessibile di lavoratori precoci ed usuranti, categorie che, per aver iniziato a lavorare fin da giovanissimi o per pesantezza della mansione svolta, sono talvolta impossibilitati a rimanere a lavoro fino all’attuale soglia dei 66 anni. A fissare questa soglia le norme della legge Fornero, in vigore da quest’anno che ha creato non pochi problemi, a partire dalla nascita dell’esercito dei cosiddetti esodati, alla questione dei cosiddetti pensionandi della scuola appartenenti alla Quota 96, e considerati anch’essi usuranti.

Con l’avvento del nuovo Renzi, la legge Fornero non sarà del tutto cambiata e stravolta, si pensa solo a qualche modifica da apportarvi, anche se magari provvedimenti per precoci ed usuranti non arriveranno subito. E più che rientrare nelle novità previdenziali, saranno collegate alla riforma del Lavoro sui cui Renzi è a lavoro ormai da tempo.

Priorità per il nuovo premier è sistemare le situazioni di iniquità sociale e porre fine alle condizioni di disagio che tanti pensionandi e pensionati si trovano costretti oggi a vivere. Molto degli interventi che saranno attuati potrebbe dipendere dalla nomina del nuovo ministro del Lavoro e tra i nomi che circolano da tempo, l’attenzione è particolarmente puntata su di Guglielmo Epifani, ex segretario della Cgil e del Partito Democratico, e Cesare Damiano, già presidente della commissione Lavoro alla Camera, da sempre dalla parte dei lavoratori e più volte intervenuti per ribadire la necessità di interventi a favore di determinate categorie di lavoratori.

La sostituzione di Enrico Giovannini al vertice del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali potrebbe aprire scenari inediti e non resta che attendere per capire quali essi potranno essere.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il