BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità e vecchiaia Governo Renzi: cambiamenti reali della Legge Fornero possibili

Nuovo governo Renzi: domani comunicate ufficialità della nuova squadra. Quali saranno le possibili modifiche da apportare all’attuale sistema delle pensioni? Situazione e previsioni



Matteo Renzi sale oggi al Quirinale per sciogliere la riserva sulla definizione del nuovo governo e portare la sua lista di ministri. Lo si apprende da fonti Pd. Intanto ieri, in tarda serata, si è svolto un vertice tra Matteo Renzi e Angelino Alfano. Il leader di Ncd è arrivato intorno alle 23 nella sede del ministero degli Affari regionali e dove il segretario del Pd era riunito da oltre due ore con Graziano Delrio e Dario Franceschini. Il confronto sul programma e la squadra di governo è stato positivo, a quanto si è appreso. Dunque, la squadra potrebbe essere di forte rinnovamento sia rispetto a quella del governo Letta.

E l’auspicio è che questo rinnovamento di governo possa portare anche a modifiche e ‘rinnovamento’ per il sistema previdenziale italiano. In realtà, come spesso ribadito dallo stesso Renzi, l’attuale legge Fornero non sarà completamente stravolta ma occorrerà apportare modifiche per permettere un’uscita anticipata dal lavoro a determinate categorie di lavoratori.

La domanda che ci si pone è se per un’uscita anticipata per pensioni di vecchiaia e anzianità si parlerà ancora dell’ormai famigerato prestito pensionistico proposto dal ministri Giovannini.

Si tratta di un meccanismo che permetterebbe al lavoratore di andare in pensione due o tre ani rispetto all’attuale soglia dei 66 anni, ma su base volontaria, e ottenendo una sorta di prestito da restituire poi una volta maturati i requisiti definiti. Questo sistema, tra l’altro, potrebbe essere una soluzione anche per la pensione anticipata di precoci e usuranti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il