BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Bot, Btp, titoli di stato, azioni, obbligazioni: meglio investire in valute per analisti. Consigli

Torna la competitività delle valute: quanto conviene oggi investirvi e rischi. Le posizioni degli esperti. Situazioni e previsioni



Se è vero che investire in valute implica sempre dei rischi, gli analisti, come riportato dal Sole 24 Ore, attualmente le preferiscono rispetto ad azioni, obbligazioni e titoli di Stato. Ma, per investire in valute, bisogna avere strumenti idonei per scegliere. Se, infatti, i professionisti hanno competenze tali da valutare le fluttuazioni valutarie, il piccolo risparmiatore ne ha di meno e un errore esporrebbe effettivamente a rischi importanti. Secondo alcuni analisti, azioni e titoli viaggeranno in un range sostanzialmente ristretto, mentre le valute si muoveranno in misura rilevante.

Segni di questa tendenza si evidenziano da mesi, dalla la scivolata della lira turca, alle tensioni in Brasile, alla crisi dei paesi emergenti, primo risultato del tapering Usa, cioè la politica di riduzione del piano di immissione di liquidità da parte della Federal Reserve nei mercati finanziari.

Tra i Bric solo la Cina mantiene segno positivo, come conferma il Sole 24 Ore. Gli altri mostrano una sempre maggiore dipendenza dagli investitori stranieri per sostenere la propria economia; e per renderla competitiva svalutano la propria valuta, in modo da favorire la redditività degli investitori dei paesi sviluppati.

Risultato, si torna ad investire nelle valute che, se da una parte sono competitività, dall’altra sono un grande fattore di rischio: basta osservare l'Emerging Local Markets Index (l'Elmi), l'indice di JP Morgan che fa da benchmark a molti strumenti di risparmio gestito che investono nei paesi emergenti in valuta locale. La rivalutazione di questo indice non dipende tanto dalle performance dei titoli azionari rappresentati ma dalla variazione delle valute in cui questi titoli sono quotati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il