BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tasse e Governo Renzi: novità e cambiamenti possibili tra conferme e smentite

Riduzione tasse, Renzi “Le ho sempre abbassate, niente promesse ma ci proveremo”. Palazzo Chgi intanto smentisce prelievi su Bot come annunciato ieri da Delrio. La situazione



Ridurre Irap e Irpef ma “I Bot sono rendite e se una signora anziana ne ha messi da parte per cento mila euro, che magari gli rendono un tot di soldi, non credo che abbia un problema di salute se le facciamo pagare 25-30 euro in più. Vediamo da caso a caso”: queste le parole di Graziano Delrio, sottosegretario alla presidenza del Consiglio, intervenuto ieri a ‘In mezz’ora’ il programma di Lucia Annunziata su Rai Tre.

E secondo il principio che ‘chi ha di più deve pagare di più’ e che tali risorse “vanno destinate alle fasce più deboli”, si studiano varie opzioni. Oltre alla prima, alzare il prelievo al 20%, la subordinata è portare al 22-23% tutto il sistema di tassazione delle rendite, quindi titoli di stato, azioni, fondi di investimento e quant’altro.

Riducendo comunque, in entrambi i casi (20 o 22-23%) il prelievo sui fondi pensioni, le cui cedole oggi vengono tassate alla fonte all’11,5%, ancor meno dei Bot. Sarebbe questa una delle fonti di gettito con cui finanziare il calo delle tasse (Irap e Irpef), insieme ai proventi della spending review.

Se però da Palazzo Chigi è poi arrivata la smentita di un eventuale prelievo sui Bot, sulle tasse Renzi ha detto: “Le ho sempre abbassate, niente promesse, ma ci proveremo”. Le riforme annunciate sono quelle del fisco, lavoro, pubblica amministrazione e legge elettorale.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il