BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2014: come pagare entro 28 Febbraio 2014 in ritardo. Sanzioni.Cosa succede se non si paga

Come pagare il Canone Rai in ritardo e quanto con sanzioni. Recupero bonario e Cartella Equitalia se non si paga proprio. Situazione pagamento e multe



E’ fissato entro il 28 febbraio il nuovo termine di scadenza per il pagamento del Canone Rai: chi, dunque, non lo avesse pagato entro lo scorso 31 gennaio, ha tempo ancora qualche giorno per mettersi in regola con il pagamento. La tassa sul possesso della televisione deve essere pagata da tutti gli italiani dotati di un apparecchio televisivo, ne saranno, invece, esclusi tutti gli altri dispositivi come PC, notebook, tablet etc.

Per pagare il canone Rai 2014 in ritardo bisognerà corrispondere il costo del canone Rai con un bollettino di c/c 1107 intestato a AG. ENTRATE DP. UFF. TERR. TO 1 SAT, RECUPERO CANONI ABBONAMENTO TV. Il costo del canone Rai 2014 è di 113,50 euro e per chi paga in ritardo le sanzioni per sono pari a 1/12 del costo del canone per semestre, ovvero a 4,47 euro, mentre se si paga dopo 30 giorni le multe per il canone Rai in ritardo ammontano a un sesto del canone per ogni semestre ovvero a 8,94 euro.

Per pagare il canone in ritardo bisogna utilizzare un bollettino diverso per pagare multe, sanzioni ed eventuali interessi di mora per ritardi superiori ai 6 mesi. Difatti, tali maggiorazioni vanno versate su c/c postale numero 104109 intestato a AG. ENTRATE DP. UFF. TERR. TO 1 SAT, SANZ. AMM.VE INTERESSI E SPESE.

Per pagare ci si può recare presso un qualsiasi ufficio di Poste Italiane, presso tabaccherie, telefonicamente con carte di credito, tramite Internet con carte di credito o con addebito bancario, oppure con bancomat presso gli sportelli automatici. Esenti dal pagamento anche i militari, agenti diplomatici, rivenditori e riparatori tv.

Esenti anche coloro che hanno compiuto 75 anni con un reddito inferiore a 517 euro al mese entro il termine di pagamento del canone; e coloro che hanno un reddito che unitamente a quello del coniuge convivente, non superi 516,46 euro mensili per 13 mensilità. Per chi invece non dovesse proprio pagare il Canone Rai, si procederà al recupero bonario del canone Rai e solo dopo al recupero coattivo che significa cartella esattoriale di Equitalia.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il