BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Sconti autostrade 2014 caselli: chi, come, quando può fare domanda. Come funziona. Al via da oggi

Al via da oggi, martedì 25 febbraio, gli sconti per i pedaggi autostradali: per chi valgono, come saranno calcolati e fino a quando varranno. La novità prevista



Al via da oggi, martedì 25 febbraio, gli sconti per i pedaggi autostradali, decisi per cercare di frenare i tradizionali aumenti dei pedaggi autostradali di inizio anno: è stato, infatti, pubblicato sul sito Telepass il modulo per ottenere le agevolazioni e l’elenco delle tratte interessate, o ci si può recare in uno dei Punti Blu per compilare il modulo stesso, indicando i caselli di entrata e uscita. In una nota il Ministero dei Trasporti riporta 'Per i pendolari scatta da oggi, 25 febbraio 204, la possibilità di registrarsi sul sito del Telepass (www.telepass.it), o sui siti delle concessionarie autostradali, per godere sino al 20% di sconto sul tragitto che quotidianamente percorrono per andare al lavoro.

Per chi si registra entro fine mese lo sconto parte retroattivamente dal primo febbraio'. Al momento la durata degli sconti sarà in vigore fino al 31 dicembre e non sono cumulabili con altre iniziative promozionali adottate dai singoli gestori. La percentuale di sconto è proporzionale al numero dei viaggi e non alla loro lunghezza (è cioè identica per chi fa pochi chilometri e per chi ne fa fino a 100 in un giorno tra andata e ritorno).

Gli sconti previsti varranno solo per i proprietari di vetture, moto o scooter e mezzi che rientrano nella categoria A con un tetto di percorrenza giornaliero di 100 km fra andata e ritorno; valgono per un mese e non più di due volte al giorno se si superano i venti passaggi (calcolati fra andata e ritorno) e al ventunesimo scatterà un taglio dell’1% sul totale, al 22esimo si passa al 2% e così via per un massimo del 20% per chi percorre almeno 40 tratte al mese comprese fra i caselli indicati nella registrazione . Oltre il 46esimo transito, invece, si pagherà la tariffa piena.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il