BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Assicurazioni online 2014:migliori. Tariffe più basse per risparmiare. Pro e contro, attenzione

Polizze assicurative online più convenienti: diversi i vantaggi che offrono ma ancora tanti coloro che scelgono le tradizionali. I motivi



Mentre saltano gli sconti sulle Rc auto, mantenendo invariate le tariffe sempre troppo alte delle assicurazioni tradizionali nel nostro Paese, sono molti gli italiani che per risparmiare qualcosina si rivolgono al web, dove si possono trovare offerte più convenienti. Negli ultimi anni, infatti, sempre più persone hanno deciso di optare per i servizi di assicurazione online, come ad esempio le compagnie assicurative presenti sul territorio o i broker assicurativi, preferendoli ai canali tradizionali, poiché offrono qualche vantaggio, a partire dal fatto che le polizze online permettono di sottoscrivere la migliore assicurazione possibile rispetto alle proprie esigenze, scegliendo fra diverse possibili soluzioni e quali opzioni includere e quali escludere, e fra diversi preventivi, con pochi e semplici click.

Altro vantaggio offerte dalle polizze online è la possibilità di stipularle comodamente da casa propria, in pochi minuti, senza doversi recare fisicamente ogni anno presso la propria compagnia di assicurazioni.

A completare il quadro dei vantaggi si aggiunge la possibilità di risparmiare, perché le assicurazioni online non hanno costi di gestione e di intermediazione, e permettono di far risparmiare fino al 70% di ciò che si paga solitamente; e la possibilità di ottenere assistenza direttamente da casa, via web o telefono.

Nonostante i vantaggi appena riportati, sono molte le persone che ancora preferiscono l'assicurazione tradizionale, perché in molti ancora preferiscono il contatto diretto e la sicurezza che esso offre, perché molte persone si sentono più al sicuro e più tranquilli avendo un contatto diretto con l' assicuratore che spiega di persona le varie condizioni e risponde ad eventuali dubbi e problemi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il