BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Milleproroghe 2014: novità e misure approvate. Numerose saltano senza conferma Decreto Salva Roma

Via libera ufficiale al decreto Milleproproghe ma molte misure come proroga sanatoria cartelle Equitalia e disdetta contratti di affitto saltano con eliminazione Salva Italia. Le misure previste



E’ stato approvato il decreto Milleproroghe nell'ultimo giorno utile per il Senato per farlo: i voti sono stati 135 a favore, 20 contrari e 78 astenuti. Per ottenere questo risultato, gli emendamenti non sono stati discussi, ma semplicemente non ammessi, mentre sono state tutte approvate le modifiche al decreto disposte in precedenza dalla Camera dei Deputati.

Salta invece il decreto Salva-Roma, provocando reazioni di protesta dal sindaco Ignazio Marino: “Devo essere messo nelle condizioni di governare la città”. Il decreto avrebbe permesso al Comune di Roma di scalare gran parte del proprio debito, ma considerando la mancata approvazione, Marino dovrà ridurre fino a un dodicesimo quanto speso dalle amministrazioni. Secondo Marino, il decreto Salva-Roma non approvato rischia di mettere in ginocchio la Capitale.

Tra le misure approvate con il decreto Milleproroghe: sfratti sospesi fino al 31 dicembre mesi a chi è in difficoltà, in particolare per chi ha reddito familiare sotto i 21.000 euro, residenti nei comuni capoluoghi di provincia, nei comuni limitrofi con oltre 10.000 abitanti e nei comuni ad alta tensione abitativa, che siano o abbiano nel proprio nucleo familiare figli fiscalmente a carico, persone ultra-sessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66%, purché non siano in possesso di un'altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza; proroga del divieto di acquisizione di partecipazioni in imprese editrici di giornali quotidiani per i soggetti che esercitano l'attività televisiva in ambito nazionale con ricavi superiori a quelli fissati dalla norma relativa; misure per lavoratori socialmente utili per cui dal primo luglio 2014 sarà possibile la loro stabilizzazione, a carico delle Regioni.

Inoltre, per l'anno 2013 è attribuito al Comune di Milano un contributo di 25 milioni di euro a titolo di concorso al finanziamento delle spese per la realizzazione di Expo 2015; saranno concesse ai residenti dei Comuni alluvionati nel novembre 2013 delle proroghe negli adempimenti fiscali che ricalcano quelli già concessi per il terremoto dell'Emilia; sarà introdotta un'imposta da applicare fino a un massimo di 2,50 euro ai passeggeri che sbarcano sul territorio di un'isola minore, utilizzando compagnie di navigazione che forniscono collegamenti di linea o imbarcazioni che svolgono trasporto di persone a fini commerciali; e potrebbero essere aumentate fino allo 0,7% le accise tabacchi.

Il decreto infatti riporta ‘Dalla data di entrata in vigore della conversione di questo provvedimento, con decreto del Ministro dell'Economia e delle Finanze, possono essere stabilite modificazioni, nella misura massima dello 0,7%, delle aliquote di accisa e di imposta di consumo che gravano sui prodotti da fumo e loro succedanei’.

Il governo ha, infine, prorogato la gestione commissariale della Costa Concordia, completamento dell'attività del commissario per interventi infrastrutturali nelle zone colpite dal terremoto del 1980, gestione liquidatoria in favore della città di Palermo già prevista legge 74/2012, incentivi per attivazione impianti alimentati da fonti rinnovabili nelle zone colpite dal sisma in Emilia, sorveglianza delle Forze Armate all'Aquila.

Con la mancata approvazione del Salva-Italia, scatta fin dalla prossima dichiarazione dei redditi un aumento delle tasse per molti calciatori e, più in generale, per gli atleti professionisti; torna il limite di spesa collegato ai lavori di ristrutturazione; salta la possibilità per la pubblica amministrazione di disdettare i contratti d'affitto comunicando il preavviso di recesso al proprietario dell'immobile entro il prossimo 30 giugno. Saltata anche la proroga dal 28 febbraio al 31 marzo della sanatoria per il pagamento delle cartelle Equitalia in un’unica soluzione senza interessi di mora e sanzioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il