BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Cud 2014: scadenza oggi 28 febbraio. Istruzioni come fare averlo online e ritiro cartaceo Poste,Inps

Scade domani il termine di presentazione del modello Cud 2014: chi deve presentarlo e come fare. Le novità di quest’anno e numeri da contattare per eventuali chiarimenti



Scade domani, venerdì 28 febbraio, il termine di presentazione del nuovo modello Cud 2014, che deve essere presentato dai sostituti d’imposta. Il Cud dovrà essere presentato da datori di lavoro o ente previdenziale, che certificano i redditi percepiti nell’anno solare appena concluso., inserendo nella compilazione i redditi complessivi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati assoggettati a tassazione ordinaria ed i redditi soggetti a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta e ad imposta sostitutiva.

Le novità del Cud 2014 riguardano gli eventuali bonus fiscali concessi a ricercatori, lavoratori e lavoratrici che siano rientrati in Italia dopo aver svolto esperienze formative all’estero, così come gli incentivi di produttività; l’aumento al 24% della detraibilità delle erogazioni liberali in favore di Onlus, partiti e movimenti politici; la detrazione del 19% relativa alle erogazioni liberali al fondo per l’ammortamento dei titoli di Stato; l’introduzione nella sezione riservata all’8 per mille, di due nuove istituzioni religiose, l’Unione buddhista italiana e l’Unione induista italiana; e il nuovo codice per i Comuni alluvionati della Sardegna, a conferma della sospensione degli obblighi fiscali.

Il Cud 2014 si potrà consegnare in via telematica, purché il destinatario sia abilitato alla ricezione e non vada consegnato a eredi o al dipendente che abbia concluso il proprio rapporto di lavoro. In caso di mancata ricezione, il contribuente dovrà recarsi al più vicino ufficio Caf per richiedere copia cartacea del modello. Il cittadino potrà, infatti, richiederne la trasmissione in forma cartacea, semplicemente, come detto, recandosi alla posta, ai patronati, o telefonando al numero verde.

Per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che vogliono informazioni e chiarimenti, è stato attivato il numero verde 800.43.43.20 dedicato alla richiesta di spedizione del Cud al proprio domicilio, in aggiunta al tradizionale numero verde 803.164. Il numero è gratuito per le chiamate da rete fissa e non è abilitato alle chiamate da telefoni cellulari, per i quali è invece disponibile il numero 06.164.164, a pagamento in base al proprio piano tariffario. Il servizio, attivo 24 ore su 24.

Per chi sceglie, invece, la via telematica, il modello può essere visualizzato e stampato direttamente dal sito istituzionale inps.it secondo il percorso ‘Servizi al cittadino- Fascicolo previdenziale per il cittadino- Modelli’. Il modello potrà essere visualizzato e stampato dall'utente in possesso di PIN.

Ai cittadini in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata CEC-PAC, noto all'Istituto, il Cud sarà recapitato alla casella PEC corrispondente. I cittadini, che hanno comunicato all'INPS un indirizzo di posta non certificata, saranno informati via email della disponibilità del Cud sul sito dell'Istituto.

Chi non possiede lle competenze necessarie per la stampare il Cud online, potrà richiedere il modello presso gli sportelli delle Agenzie dell'INPS e dell'ex Inpdap ed Enpals, che appronteranno appositi sportelli. Per averlo alla Posta, basterà recarsi presso gli uffici postali appartenenti alla rete Sportello Amico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il