Buoni fruttiferi postali Febbraio 2014: migliori da scegliere. Rendimenti,condizioni,durata.Consigli

Diverse le tipologie di buoni fruttiferi postali per questo mese: prima di sceglierne uno meglio considerare diverse condizioni, a partire da tempi di durata e rendimenti da maturare. Come fare ad acquistarli



Molti italiani scelgono oggi i Buoni fruttiferi Postali per mettere al riparo la propria liquidità e ottenere qualche rendimento sulla somma depositata. I Buoni Fruttiferi Postali sono titoli emessi dalla Cassa depositi e prestiti, garantiti dallo Stato Italiano e collocati in esclusiva da Poste Italiane, capaci di garantire sempre la restituzione del capitale investito e gli interessi maturati.

Tra le nuove emissioni di BFP spiccano i classici Buoni Fruttiferi Postali Ordinari, con rendimenti annuali tra lo 0,25% e il 3,05% (durata 20 anni) e quelli Indicizzati all'Inflazione, con durata dieci anni e interessi annuali allo 0,75%; o i Bfp a 18 mesi, con hanno un rendimento fisso e crescente e interessi riconosciuti ogni 6 messi, con tassi pari allo 0,25% dopo 6 mesi, allo 0,37% dopo un anno e allo 0,58% ai 18 mesi; i BFP7Insieme, con durata di 7 anni e il 2,75% di flussi periodici al cliente per i primi 6 anni, con restituzione del capitale residuo e pagamento degli interessi settennali alla fine dei sette anni, con tasso interno di rendimento annuo netto a scadenza pari al 2,43%; il BFP3x4, con rendimento crescente e durata di 12 anni, con interessi pagati ogni tre anni con le seguenti percentuali: 1,50% dopo 3 anni, poi l'1,75%, il 2,25% e infine il 2,75% dopo 12 anni.

Per scegliere il migliore e il più adatto alle proprie esigenze, occorre considerare diverse variabili, a partire dalla tipologia del Buono, per arrivare all’importo del capitale da vincolare, alla data di emissione, alla data di rimborso. E’ importante inoltre sapere che i Buoni a termine non sono più sottoscrivibili dal primo gennaio 2003 e che i Buoni indicizzati a scadenza (a 7 e 5 anni), i BFPPremia e i Buoni emessi fino al 20 settembre 1986 sono esenti da ritenuta fiscale, mentre i Buoni emessi dal 21 settembre 1986 al 31 agosto 1987 hanno una ritenuta fiscale del 6,25%.

E ancora, i Buoni emessi dal primo settembre 1987 al 23 giugno 1997 hanno una ritenuta fiscale del 12,50%, i Buoni emessi dal primo luglio 1997 hanno un'imposta sostitutiva del 12,50%. Considerate, dunque, tutte queste informazioni, si può procedere alla scelta del miglior tipo di BFP su cui puntare per ottenere quanto eventualmente previsto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il