BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: sottosegretari, vice-ministri nomina e cambiamenti

Uscita più flessibile per pensioni di anzianità e vecchiaia per permettere accesso giovani al mondo del lavoro: cosa potrebbe cambiare con nuovi viceministri e sottosegretari?



Ancora da sciogliere le riserve sui nomini di possibili viceministri e sottosegretari del nuovo governo Renzi., anche se gran parte delle quote da assegnare ai partiti della maggioranza è stata già decisa. Restano, dunque, diverse limature da fare. Il numero complessivo, comunque, si aggira intorno alle 45 figure tra viceministri e sottosegretari.

Per il Pd, in arrivo la conferma Lapo Pistelli agli Esteri e Pier Paolo Baretta all'Economia, mentre Sesa Amici insieme a Sabrina De Camillis potrebbe affiancare Maria Elena Boschi ai Rapporti con il Parlamento. Verso la conferma anche Giovanni Legnini per l'Editoria o l’Economia, e Erasmo D'Angelis, che tuttavia potrebbe essere trasferito dal ministero delle Infrastrutture. Tra i probabili nuovi ingressi, sempre in fila dem, si fanno da giorni i nomi di Emanuele Fiano all'Interno e dei renziani Simona Bonafe', David Ermini e Matteo Richetti.

Tra i possibili sottosegretari sembra essere entrato anche Bruno Tabacci, del centro democratico. In salita le quotazioni del presidente del Consiglio comunale di Firenze, Eugenio Giani. In gioco anche Ivan Scalfarotto (all'Istruzione) e Antonello Giacomelli (all'Editoria o alla Cultura) e un ritorno del ministro Cecile Kyenge. Tra i renziani , Angelo Rughetti, per Scelta Civica Pietro Ichino (al Lavoro), Enrico Zanetti o Irene Tinagli. In pole anche Andrea Olivero al Welfare di Pi.

Tra le conferme anche Carlo Calenda e Ilaria Borletti Buitoni. Dipenderà anche dai vice ministri e dai sottosegretari che verranno nominati ciò che sarà attuato per le pensioni. In ballo la possibilità di un’uscita più flessibile per le pensioni di vecchiaia e di anzianità che possa permettere a chi lavora di più tempo di mettersi al riposo, permettendo, di conseguenza, ai più giovani l’accesso al mondo del lavoro. Ed è proprio questo turn over ad aver fatto pensare a molti che le modifiche alle pensioni potrebbero arrivare nel momento in cui il governo Renzi procederà all’annunciata riforma del lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il