BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne e uomini Governo Renzi: proposte e idee modificare età uscita e non solo possibili

Rimettere mano alla situazione di disuguaglianza tra l’età pensionabile di uomini e donne: obiettivo del governo Renzi insieme all’uscita anticipata. I piani



Ripartire dalle pensioni d'oro per creare nuovi fondi e permettere l'uscita anticipata di determinate categorie di lavoratori. Questa una delle mosse che si profilano all’orizzonte del nuovo governo Renzi. Le pensioni d'oro sono quegli indennizzi concessi ai soggetti che hanno sono riusciti ad andare in pensione con il metodo retributivo, e che percepiscono più di 100.000 euro di pensione all’anno e anche più

Si tratta di importi con il solo metodo contributivo, esteso per tutti dalla legge Fornero, sono impossibili da percepire in quanto nessuno di coloro che ha iniziato a lavorare nel 1993 a 18 anni ha oggi i requisiti di età per andare in pensione. L’ipotesi torna ad essere quella di un contributo di solidarietà che varrebbe 10 miliardi di euro in un anno, risorse che verrebbero sfruttate per agevolare l’uscita flessibile di altri lavoratori, permettendo di erogare assegni in anticipo.

Non solo, però uscita anticipata: il governo Renzi, insieme alla questione esodati e Quota 96, dovrà occuparsi anche del problema delle pensioni per le donne. Le legge Fornero, infatti, ha introdotto nuove norme che hanno creato un forte squilibrio tra l'età pensionabile degli uomini e l'età pensionabile delle donne, per cui gli uomini potranno andare in pensione solo se in possesso dei requisiti contributivi di 42 anni e 3 mesi di contribuzione, mentre le donne potranno accedere al pensionamento con a 41 anni e tre mesi.

L'Ue ha deciso, mesi fa, di aprire una procedura di infrazione contro l'Italia, per modificare la legge che fissa la differenza tra gli uomini e le donne per quanto riguarda gli anni di contribuzione per richiedere il pensionamento anticipato. E oggi Matteo Renzi assicura: “Rimetteremo mani alla situazione”, riferendosi alle attuali disuguaglianze tra l'età pensionabile tra uomini e donne.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il