BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutui 2014: migliori offerte e banche per servizi e condizioni non solo per tassi di interesse

Decidere di acquistare una casa e scegliere tra un mutuo a tasso fisso o variabile: le migliori offerte del momento. Parametri considerati per giudizi



Si sta probabilmente rialzando il mercato immobiliare, calano  negli ultimi mesi i prezzi stessi delle case e per chi volesse acquistare oggi un prima casa, dovrebbe ben analizzare le offerte disponibili di mutui a tasso fisso o variabile, valutando le proprie esigenze e  orientandosi verso quella che potrebbe essere la convenienza maggiore. In realtà, dopo il forte calo registrato nel 2013, di compravendite e prezzi, oggi la situazione sembra in stallo e, secondo le previsioni, solo nel secondo semestre potrà esserci una lieve ripresa se calerà la pressione fiscale.

Secondo la Federazione agenti immobiliari (Fiaip), il 2013 ha chiuso con una riduzione dei prezzi delle abitazioni del 12,7%. e delle compravendite del 12,8%. Fortunatamente il rendimento dell'immobiliare è ancora del 3,5%, ma questa diminuzione dei prezzi che dal 2007 ad oggi si può quantizzare in circa un 30% è dovuta a un clima di sfiducia causato da una tassazione a dir poco esagerata che c'è stata sull'immobiliare e anche alle false aspettative di prezzi dei venditori che sono rimaste ancorate alle valutazioni del 2007 che oggi non sono più realizzabili.

Le prospettive del 2014 dipendono da fattori essenzialmente politici: se, infatti, ci sarà un intervento sulla casa che contribuisca a ridurre la tassazione sulla casa, ci potrà essere una ripresa. In realtà, per favorirla, anche diverse banche si stanno muovendo. Sono loro, infatti, anche la grande causa dei costi alti dei mutui, per gli spread che applicano anche su somme di case non troppo elevate.

Per cercare, dunque, di invertire una tendenza che sembrava stesse letteralmente bloccando l’andamento di un settore, alcune banche, come Credem, Deutsche Bank e Unicredit, ma anche Bnl e Banco popolare stano proponendo buone offerte e un ottimo servizio si assistenza. Secondo un sondaggio qualitativo promosso dall’Istituto Tedesco Qualità Finanza riportato da CorrierEconomia, Cariparma (gruppo Crédit Agricole) è quella che offre oggi i tassi migliori, insieme a Deutsche Bank e Bnl, ed Hello Bank (gruppo Bnl-Bnp Paribas) tra gli istituti operativi sul web.

La classifica finale è stata stilata considerando diversi parametri. Come riportato da CorrierEconomia, per il primo confronto si è considerata l’offerta di prodotto: al cliente si è chiesto di valutare le spese accessorie legate alla spesa del mutuo, considerando anche le voci che non contribuiscono al calcolo del Taeg come ad esempio i costi di tenuta del conto corrente di appoggio del mutuo, che in pratica tutte le banche richiedono, e il prezzo delle assicurazioni. Nell’offerta di prodotto sono risultati vincitori Bnl, Credem e Unicredit; per l’online il primo posto è andato a Webank.

La seconda graduatoria ha riguardato la comunicazione, ovvero l’adeguatezza e la comprensibilità delle informazioni, la facilità di utilizzo del sito web, la possibilità di mettersi facilmente in contatto con il personale e i tempi occorrenti per essere contattati dopo la compilazione dei formulari via web.

Le migliori sono risultate Banco Popolare, Credem e Unicredit; per l’online primo posto a Ing Direct. Circa l’assistenza e la relazione con i clienti: il sondaggio ha analizzato l’effettiva applicazione delle facilitazioni promesse prima dell’istruttoria (ad esempio i tassi agevolati per le giovani coppie), la capacità dell’istituto di fornire un’assistenza non solo burocratica in caso di problemi, la cortesia nelle relazioni e la competenza tecnica. Sono risultati migliori Banco Popolare, Credem e Unicredit, mentre nell’online a primeggiare è Webank. Sul rapporto qualità/ prezzo, le migliori sono state Deutsche Bank e Unicredit.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il