BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni insegnanti scuola: contributi Inps spariti pur versati, pagati tra anni 1970-1980.Cosa fare

Scoperta amara per tantissimi insegnanti di Milano: non c’è traccia di contributi da loro versati tra gli anni Settanta e Ottanta. E’ disastro Inps. Situazione e come fare



Una scoperta decisamente amara per tanti insegnanti che hanno versato i loro contributi previdenziali all’Inps tra gli anni Settante a Ottanta: sembra, infatti, che di essi non via traccia nei terminali dell'Inps. La brutta sorpresa riguarda alcuni insegnanti della provincia di Milano che, vicini alla pensione, si sono recati agli sportelli dell'Istituto di previdenza per farsi calcolare i versamenti complessivi. Molti hanno scoperto di non aver versato nessun contributo per alcune supplenze effettuate all'inizio della carriera presso scuole pubbliche della città, tra l'inizio degli anni Settanta e il 1987.

Il direttore scolastico provinciale, Giuseppe Petralia, ha effettivamente confermato che il caso, a Milano, interessa centinaia di docenti e che il numero potrebbe lievitare nei prossimi mesi, quando altri docenti si troveranno a fare i calcoli in vista del pensionamento. E, in realtà come egli stesso precisa, “il problema va ben oltre la dimensione locale: si tratta di una questione nazionale che dunque può riguardare un numero ben più ampio di docenti”.

Ciò che bisogna fare, secondo l’Inps, a Milano, è innanzitutto verificare la consistenza di questo fenomeno: se la questione dovesse riguardare i contributi versati fino al 1987, per le cosiddette supplenze brevi, si tratterebbe di versamenti che rientrano nella gestione previdenziale privata (Ago, assicurazione generale obbligatoria) dell'Inps.

E si tratta di contributi per i quali, tra l'altro, scatta la prescrizione dopo un periodo di dieci anni. Infatti, fino al 1987, i contributi degli insegnanti per le supplenze brevi venivano versati direttamente all'Inps, poi queste pratiche sono divenute di competenza dell'Inpdap. L’Istituto previdenziale ha comunque confermato 3un tavolo con l'Ufficio provinciale scolastico di Milano, nel corso del quale verrà affrontato questo tema.
 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il