BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Mutuo Marzo 2014 tasso variabile: migliori offerte per tassi interessi, rate, condizioni

Torna a muoversi il mercato immobiliare e torna la convenienza dei mutui a tasso variabile: le migliori offerte di questo mese di marzo 2014. Quale scegliere



Nel momento in cui si decide di acquistare una casa bisogna ben concentrarsi sulla scelta del tipo di mutuo da accendere, se a tasso fisso o variabile. Nonostante la contrazione di compravendite registrate in questi ultimi anni, sembra che ora il mercato immobiliare mostri timidi di segnali più che di ripresa di minimi movimenti.

E per chi volesse oggi scegliere di accendere un mutuo, resta sempre conveniente quello a tasso variabile. Il motivo? I tassi molto bassi dell’Euribor, indice cui sono agganciati i mutui a tasso variabile. Inoltre, nelle ultime settimane gli istituti di credito hanno iniziato ad abbassare i loro spread, migliorando le offerte, raggiungendo anche i 2,50-2,60 punti.

Tra le migliori offerte di mutuo a tasso variabile per questo mese di marzo 2014, considerando un mutuo del valore di 120.000 euro, della durata di 20 anni, spicca quello di  Webank (spread 2,60%, taeg 2,96%), seguito da Iwbank 82,70, taeg 3,00); Bnl (2,60%, taeg 3,02); quello di Intesa San Paolo (spread 2,50%, taeg 3,03%); e di Unicredit (spread 2,50%, taeg 3,03%).

Unicredit ha dato lanciato l’edizione speciale del Mutuo valore italia,a tasso variabile, valida fino a maggio. Il prodotto prevede uno spread 2,25% assolutamente imbattibile nel mercato dei prodotti mutuo odierni ma che è dedicato essenzialmente a finanziamenti che coprano al massimo il 50% del  valore della casa.

Se l’importo di mutuo richiesto è superiore, la banca precisa che gli spread saranno stabiliti in base allo scoring della clientela secondo i requisiti di affidabilità creditizie richieste. Il prodotto offre al Cliente la facoltà di richiedere, dopo i primi 24 mesi dalla data di erogazione, lo switch, variazione del tasso del mutuo tramite l’esercizio di un passaggio a tasso fisso per una durata di 2 o 5 anni.

. L'offerta di mutui sia a tasso fisso che variabile a Aprile 2016 si fa molto interessante. Grazie alla discesa mese su mese dei prezzi degli immobili nelle grandi città, ma soprattutto nei piccoli centri, e grazie ai tassi praticamente prossimi allo zero oggi accendere un mutuo è estremamente conveniente. In questa analisi abbiamo analizzato le migliori offerte proposte dai principali istituti.

Fisso o variabile? Questo è l'eterno dilemma... In breve in questa particolare fase storica chi ha la possibilità di aprire un mutuo da estinguere in 10 anni quasi sicuramente la scelta del tasso variabile può essere quella più azzeccata, infatti attualmente i tassi sono molto bassi e le prospettive per i prossimi anni non fanno intravedere una loro risalita e poi grazie alla portabilità è sempre possibile, qualora i tassi aumentino, ricontrattare il mutuo con la stessa banca o con un altro istituto al fine di ottenere una proposto di nuovo vantaggiosa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il