BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Piano Casa Governo Renzi: novità, agevolazioni, misure. Per chi e cosa cambia con Decreto mercoledì

Le misure previste dal Piano Casa per affitti e mutui: cosa prevedono, a chi sono rivolte e come e quando dovrebbero entrare in vigore



“Mi prendono in giro perché annuncio una misura al mese, ma non c'è alternativa: o proviamo a fare misure choc di cambiamento o sprechiamo la ripresa come abbiamo già sprecato la crisi”: così ha annunciato Matteo Renzi. “In arrivo piano casa, jobs act e misure per la scuola. Mercoledì prossimo farò a Roma una corposa conferenza stampa di lancio di alcuni provvedimenti molto importanti, perché siamo pronti. Presenterò il piano casa: non ce la facciamo venerdì, lo stiamo rivedendo. E presenteremo anche il Jobs act e le misure per la scuola, misure che mettiamo tutte insieme per non incatenare i sindaci, ma scatenarli”.

Il Piano Casa, ideato dal ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi, prevede un progetto da un miliardo e mezzo di euro basato su tre capisaldi: bonus ristrutturazioni, mutui agevolati, e cedolare secca. Il decreto prevede di recuperare l’edilizia popolare attraverso agevolazioni fiscali rivolte agli enti proprietari e agli inquilini e questi ultimi potranno riscattare la casa in cui vivono mentre i proventi derivanti dalla misura serviranno a realizzare appartamenti sociali o ristrutturare quelli già esistenti.

Secondo quanto è stato pianificato infine, agli IACP andranno 568 milioni reperiti attraverso le revoche di fondi concessi a opere bloccate e con fondi non spesi nel settore dell’edilizia residenziale. Il piano prevede bonus per ristrutturazioni e mutui per l’acquisto, fondi per gli affitti, housing sociale. Il primo punto del piano casa riguarda la cedolare secca sugli affitti, l’imposta sostitutiva che permette al locatore di pagare un’aliquota sul canone degli immobili adibiti ad abitazione.

Se il governo Letta aveva già ridotto l’aliquota dal 19% al 15%, il Piano ideato dal ministro Lupi prevede un ulteriore alleggerimento del 5% dal 2015 al 2018, passando dal 15% al 10%. La seconda misura sugli affitti prevede un aumento dei fondi volti a fronteggiare la morosità incolpevole, cioè la situazione dei molti cittadini che, avendo perso il lavoro, non riescono più a pagare l’affitto.

Il secondo punto del piano casa riguarda i mutui ed è il planfond casa, un fondo da 2 miliardi presi dalla Cassa depositi e prestiti, destinato alle giovani coppie, alle famiglie con disabili e a quelle numerose che hanno intenzione di comprare o ristrutturare un immobile. Il fondo servirà da garanzia per le banche nel momento in cui verrà richiesto il mutuo e sarà disponibile per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il