BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi ultime notizie: Piano Lavoro Job Acts cambiamenti richiesti da sindacati e Pd

Ministro del Lavoro Poletti incontra sindacati per interventi su pensioni nel piano Lavoro che il premier Renzi presenterà mercoledì prossimo: cosa cambierà?



La richiesta di interventi sulle pensioni, per modificare l’attuale sistema previdenziale e pensare alla soluzione di questioni cruciali come quelle di esodati, Quota 96 e lavoratori precoci e usuaranti, provenienti da sindacati, pensionanti stessi e alcune forze politiche, è quella di inserire eventuali cambiamenti in merito nel piano lavoro che sarà presentato mercoledì prossimo.

Il neo premier Renzi ha, infatti, fissato per la prossima settimana la presentazione ufficiale del suo job acts, già annunciato per sommi capi lo scorso dicembre, che proporrà importanti interventi sul lavoro e contratti, pensati per dare impulso all’occupazione, ormai in una situazione critica in Italia, e favorire l’ingresso dei più giovani nel mondo del lavoro.

Ed è anche per sostenere questo meccanismo che si pensa possano effettivamente arrivare modifiche alle pensioni con il piano lavoro, soprattutto perché al vaglio vi sarebbero le ipotesi di uscita anticipata dal lavoro che permetterebbero sì il prepensionamento per chi decide, su base volontaria, di lasciare il lavoro ma anche maggiori possibilità di entrata dei più giovani a sostegno del turn over.

Torna, infatti, in discussione la proposta della flessibilità in uscita proposta tempo fa dal presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano, che permette di andare in pensione a 62 anni, con 35 anni di contributi accettando un sistema di penalizzazioni, o incentivi se si decide di rimanere a lavoro più a lungo fino all’età di 70 anni; e quella del prestito pensionistico dell’ex ministro del Lavoro Giovannini.

E proprio il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ha discusso del Jobs Act con Susanna Camusso, segretario nazionale Cgil, e Giovanni Sabatini, direttore generale dell’Abi, seguiti, poi, da Raffaele Bonanni della Cisl e poi con i rappresentanti del sindacato Ugl.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il